Start Up

107 milioni di finanziamenti per l’industria di cultura e turismo

selinunte cultura e turismo in sicilia

Cinque regioni e un programma di incentivi per per creare e sviluppare iniziative imprenditoriali nei settori di cultura e turismo.

cultura-e-tursimo-cosaSi tratta di “Cultura crea”, il piano promosso dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per sostenere la filiera culturale e creativa di Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, e consolidare i settori produttivi collegati, rafforzando la competitività delle micro, piccole e medie imprese.

107 i milioni di euro messi a disposizione e divisi in tre diversi settori di intervento: 42 milioni per la nascita di nuove imprese, 38 milioni per il sostegno alle imprese già attive, 27 milioni per il terzo settore. A cui si aggiunge una dotazione finanziaria aggiuntiva di 7 milioni di euro da ridistribuire proporzionalmente sui tre filoni.

Le linee di intervento per cultura e turismo

“Cultura crea” prevede tre diversi settori di intervento, finalizzati a:

  • supportare la nascita di nuove imprese nei settori centrali delle industrie culturali, promuovendo l’innovazione produttiva, lo sviluppo tecnologico e la creatività;
  • consolidare e sostenere l’attività dei soggetti economici esistenti nella filiera di cultura e turismo, in quella creativa, dello spettacolo e dei prodotti tradizionali e tipici;
  • favorire la nascita e la qualificazione di servizi e attività connesse alla gestione degli attrattori e alla fruizione e valorizzazione culturale, realizzate da soggetti del terzo settore

Chi può accedere ai fondi per lo sviluppo di cultura e turismo

Micro, piccole e medie imprese dell’industria culturale e creativa sono i destinatari di “Cultura Crea”. Fra coloro che possono beneficiare dei fondi del programma ci sono anche team di persone che vogliono costituire una società, i soggetti del terzo settore che vogliono realizzare i loro progetti di investimento in Basilicata, Campania, Puglia, Calabria e Sicilia. Vediamo gli incentivi quali interventi e attività sostengono.

Incentivo per la “Creazione di nuove imprese nell’industria culturale” finanzia:

  • team di persone fisiche che vogliono costituire una impresa, purché la costituzione avvenga entro 30 giorni dalla comunicazione di ammissione alle agevolazioni.
    le imprese costituite in forma societaria da non oltre 36 mesi, comprese le cooperative

cultura-e-turismo-settoriIn questo settore sono finanziabili programmi di investimento fino a 400 mila euro che prevedono la creazione o l’introduzione di prodotti o servizi innovativi nei campi della

  • conoscenza – sviluppo o applicazione di tecnologie che permettano di creare, organizzare, archiviare e accedere a dati e informazioni sull’industria culturale;
  • conservazione –  sviluppo o applicazione di modalità e processi innovativi per le attività legate a restauro, manutenzione e recupero del patrimonio culturale;
  • fruizione – modalità e strumenti innovativi di offerta di beni, processi innovativi per la gestione, acquisizione, classificazione, valorizzazione e diffusione del patrimonio culturale e e risorse del territorio. Ma anche piattaforme digitali, prodotti hardware e software per nuove modalità di fruizione e nuovi format narrativi di comunicazione e promozione;
  • gestione- sviluppo di strumenti e soluzioni applicative in grado di ingegnerizzare le attività di gestione di beni e attività culturali

Incentivo per lo “Sviluppo delle imprese dell’industria culturale” finanzia:

  • le imprese costituite in forma societaria da non meno di 36 mesi, comprese le cooperative

Sono finanziabili programmi di investimento fino a 500.000 euro nei settori dei servizi per la fruizione turistica e culturale, promozione finalizzata alla valorizzazione delle risorse culturali,  recupero e valorizzazione di produzioni tipiche locali

Incentivo per il “Sostegno ai soggetti del terzo settore dell’industria culturale” finanzia imprese e soggetti del terzo settore. In particolare ONLUS e imprese sociali.

Si rivolge alle imprese, cooperative incluse, e ad altri soggetti del terzo settore che hanno programmi di investimento fino a 400.000 euro in una o più delle seguenti aree di intervento:

  • attività collegate alla gestione degli attrattori e delle risorse culturali del territorio
  • attività collegate alla fruizione degli attrattori e delle risorse culturali del territorio
  • attività di animazione e partecipazione culturale

Come presentare le domande per i fondi a sostegno di cultura e turismo

Per accedere ai finanziamenti è necessario registrarsi ai servizi di Invitalia: la domanda infatti può essere presentata esclusivamente online, ed è necessario disporre di una firma digitale e di un indirizzo di PEC.

[Infografica da Invitalia-Cultura crea]

Scrivi un tuo commento

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top