News & Trends

Acqua, un uso consapevole e razionale per evitare sperperi

Acqua, quando il consumo idrico diventa intollerabile

Troppo spesso, erroneamente, siamo portati a pensare che l’acqua consista in un bene pressoché infinito, alla portata di tutti. Invece, le risorse idriche non sono illimitate e, soprattutto negli ultimi anni, esse tendono sempre più a ridursi. Complice anche il clima, sempre più torrido e meno piovoso con l’inquinamento ai massimi livelli, l’acqua viene dissipata senza alcun rispetto per l’ambiente, facendo registrare consumi record per uso civile. Se, infatti, la media europea è di 180 litri d’acqua consumati al giorno per abitante, in Italia si sfiorano i 250 litri, con un evidente surplus degli sprechi, davvero non necessario. Per arginare la situazione, il primo passo da compiere è valutare quanta acqua veramente ci serva ogni giorno per uso domestico. Aspettare che l’acqua diventi calda o fredda a seconda delle esigenze, lavarsi le mani o i denti, fare una doccia senza mai chiudere il rubinetto, sono gesti semplici e spesso anche meccanici che, però, ci fanno sprecare almeno 50 litri d’acqua che potrebbero essere impiegati in modo più consono e funzionale. Ma in che modo diventare più responsabili?

Leggi anche: Bolletta salata? Scopri come risparmiare sull’energia elettrica

Stop agli sprechi: tutte le strategie da mettere in atto

Negare che ci sia una vera e propria emergenza idrica in atto, sarebbe da folli, anche perché la situazione penosa è sotto gli occhi di tutti. E non si tratta di “semplice” allarmismo. La rete idrica italiana, costituita da plastica, ferro, acciaio, ghisa e cemento, purtroppo, fa acqua da tutte le parti. E non si tratta solo di un modo di dire. Le tubazioni, oltre a essere vecchie, non riescono ad arginare le perdite d’acqua in modo corretto. Altrimenti, infatti, non si spiegherebbe per quale motivo, degli oltre 300 metri cubi d’acqua derivanti dalle piogge, se ne riesca a trattenere un misero 11%. Impensabile una capillare sostituzione della rete idrica esistente. Bisogna pensare a tecniche più mirate. Giacché il settore più colpito dalla crisi idrica è quello dell’agricoltura, una saggia mossa sarebbe evitare i sistemi d’irrigazione a pioggia o ad aspersione, preferendo quelli a scorrimento laterale all’interno dei solchi praticati nei campi. In questo modo, l’acqua fluisce liberamente, senza spreco alcuno. 

Leggi anche: Assegnati i premi del concorso anti spreco “Io penso circolare”

sprechi acqua italia

Ottenere l’acqua potabile dal mare e dalla nebbia: adesso si può

Benché l’Italia non sia al livello degli altri Paesi europei e di Tel Aviv, sede dell’impianto di desalinazione più grande al mondo, attraverso alcuni opportuni accorgimenti, le acque reflue potrebbero essere trattate e riutilizzate comodamente anche per uso domestico, con un netto e deciso risparmio. Ciò che sembrava fantascienza fino a qualche decennio fa, oggi è una meravigliosa e solida realtà. Ottenere acqua potabile dal mare o catturando l’umidità della nebbia, infatti, è tra i modi più innovativi per ridurre gli sprechi e sfruttare al massimo il potenziale intrinseco nell’acqua. Se, nel primo caso, ci si avvale di sofisticati impianti realizzati in grafene, nel secondo caso, basta un semplice telo di plastica per raccogliere la condensa che si origina dalla nebbia. E per non sprecare acqua in casa? Semplice. Basterà semplicemente avvitare un frangigetto ai rubinetti, preferire la doccia alla vasca, utilizzare lavatrice e lavastoviglie solo a pieno carico, annaffiare le piante esclusivamente di sera e scegliere un WC con pulsanti differenziati. In un anno riusciremo a risparmiare circa 2000 litri d’acqua. Semplice, non è vero?

Leggi anche: La Luna sorprende gli scienziati: il sottosuolo è ricco di acqua, in crisi le teorie sulla sua formazione

Scrivi un tuo commento

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top