News & Trends

Apple apre a Napoli il primo Centro di Ricerca per app iOS

tim cook dio apple in visita in italia

L’annuncio era stato fatto nel gennaio scorso durante la visita di Tim Cook in Italia e ora quella promessa diventa realtà: anche nel nostro Paese ci sarà un centro di ricerca Apple pare sia stata mantenuta. Matteo Renzi ha annunciato a mezzo social che a partire da ottobre il colosso di Cupertino collaborerà con l’Università Federico II di Napoli per la messa in moto di un’Academy incentrata sulla formazione di giovani sviluppatori iOS.

Quali sono i criteri di selezione?
Academy per sviluppatori iOS

Questa Accademia farà innanzitutto una selezione in italiano e in inglese di tutti quei giovani studenti intenzionati a percorrere la carriera del developing. Una volta selezionati i 400 fortunati, partiranno poi dei corsi di formazione della durata di nove mesi volti a formare dei promettenti sviluppatori «e non meri programmatori», come giustamente ha puntualizzato Giorgio Ventre, direttore del dipartimento di Ingegneria Elettrica e Tecnologie dell’Informazione.

Che cosa offre il centro di ricerca?

Nei primi sei mesi i corsi di Apple avranno l’obiettivo di far accrescere le competenze dei ragazzi nello sviluppo di programmi iOS, mentre nella rimanente parte del tempo gli studenti prenderanno parte a dei corsi sulla creazione di start up e sulla progettazione di applicazioni mobili. Perché oltre a formare promettenti sviluppatori del campo iOS, l’obiettivo di questo progetto è anche far sì che alcuni di questi giovani fortunati abbiano il know how e gli strumenti necessari per avviare una carriera imprenditoriale nel campo mobile.

E’ un progetto ambizioso quello che Apple e Italia sono riuscite a stipulare. Un progetto di enorme portata simbolica, dato che quello di Napoli è il primo vero Centro di Ricerca in Europa di Apple; ma è anche un piano volto al pragmatismo, teso cioè allo sviluppo economico di una Italia che finalmente ha iniziato a comprendere l’importanza della tecnologia per lo sviluppo di tutto il sistema Paese.

Scrivi un tuo commento

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top