Innovazione

Sedric è l’auto del futuro: un salotto su 4 ruote

autodelfuturo

Ecco l’auto del futuro: senza volante e senza pedali.

Il gruppo Volkswagen ci presenta il nostro destino, decisamente un nuovo ed inedito modo di viaggiare.

Al Salone di Ginevra 2017, il colosso tedesco, ha presentato in anteprima mondiale la concept “Sedric”, l’acronimo di “Self driving car”, prototipo a trazione elettrica e guida autonoma di livello 5, il più avanzato fra quelli Sae.

Un’auto del futuro, se così possiamo definirla, che costituisce una chiara indicazione sul futuro “green” del mondo dell’automobile: Volkswagen ha già progettato  ben 30 nuovi modelli a batteria, pronti a stravolgere il mercato mondiale da qui al 2025

                     Sedric1

Sedric è una sorta di Taxi robot, un salotto telecomandato che ti viene a prendere dove vuoi e ti porta dove desideri.

Con un’interazione simile a quella di David Hasselhoff con la sua Supercar, potremmo richiamare la nostra auto del futuro con una chiave digitale.

L’intelligenza artificiale del dispositivo sarà elevatissima, comandi vocali ed app speciali, creeranno un vero e proprio rapporto uomo-macchina che porterà i livelli di automazione a picchi altissimi.

L’ambiente interno dell’auto sarà accogliente e confortevole, con sedili in pelle e un grande schermo touchscreen, basterà sedersi e lasciarsi portare nel posto desiderato, un po’ come su di una carrozza, soltanto che invece dei cavalli, a muovere il mezzo è un cervello elettronico interattivo.

                     Sedric2

Sedric è stata concettualmente sviluppata dal Future Center Europe, a Potsdam, in Germania, in collaborazione con il centro ricerche Volkswagen di Wolfsburg: è costruita sulla piattaforma Meb, sfruttando un hardware composto da laser, Lidar, radar e telecamere: indispensabili per la funzione di guida autonoma.

Sono state preventivate anche alcune piccole suggestioni come piccole piante che purificano l’ambiente interno della “carrozza” ed un parabrezza che memorizza le informazioni utili per i passeggeri.

Gianluca Parodi

Scrivi un tuo commento

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top