Innovazione

Notifiche fiscali via pec alle imprese da luglio 2017

fisco e notifica pec

Niente più carta e lettere raccomandate per le notifiche dal fisco alle imprese. Dal 1 luglio 2017 si parte con le notifiche fiscali via pec, gli accertamenti fiscali saranno infatti notificati via posta elettronica certificata, così come stabilito dal decreto fiscale, nella sezione dedicata alla semplificazione, collegato alla Legge di Bilancio 2017.

Chi riceverà le notifiche fiscali via pec

L’uso esclusivo e obbligatorio della notifica via pec riguarda la notifica di avvisi e atti (come gli accertamenti fiscali) inviati a imprese individuali, società e professionisti iscritti ad albi ed elenchi professionali. Tutti soggetti che per legge dal 2012  devono essere dotati di un indirizzo di posta elettronica certificata

Come funziona la notifica via pec degli atti fiscali

notifica-atti-pecGli uffici del fisco procederanno a notificare gli avvisi e gli atti agli indirizzi di PEC come risultanti dall’indice nazionale Ini-Pec. La notifica sarà ritenuta valida per il mittente dal momento in cui questo riceverà dal gestore della pec la ricevuta di accettazione.
Mentre sarà considerata perfezionata per il destinatario a partire dalla data di avvenuta consegna, di cui gli uffici ricevono ricevuta automatica da parte del gestore pec.

Nel caso in cui la casella pec risulti piena gli uffici provvederanno a un secondo invio dopo sette giorni dal primo. Se anche questo non dovesse andare a buon fine, o nel caso in cui l’indirizzo di posta elettronica risultasse inattivo o non valido, la notifica verrà eseguita attraverso il deposito dell’atto sul sito di Infocamere.
Entro due giorni dall’avvento deposito, e per i 15 giorni successivi, avverrà la pubblicazione dell’atto impositivo, di cui il destinatario sarà informato attraverso lettera raccomandata.
In quest’ultimo caso la notifica sarà ritenuta valida dal quindicesimo giorno  dopo la data di pubblicazione.

E i soggetti non obbligati a possedere una pec?

Se non si è obbligati per legge a essere titolari di un indirizzo di posta elettronica certificata si potrà comunque fare richiesta per ricevere accertamenti fiscali e atti predisposti in modo telematico.
I contribuenti potranno chiedere di ricevere notifica al proprio indirizzo di posta elettronica, alla pec di un difensore abilitato al contenzioso tributario (come un avvocato o un dottore commercialista, per esempio), oppure alla pec di un parente.

 

[Foto di Divya Thakur – Flickr]

 

Scrivi un tuo commento

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top