Innovazione

Orange Fiber: morbido come la seta, ma è tessuto dalle arance

Creare un tessuto dalle arance, che sia sostenibile, innovativo e che permetta di riciclare tutti gli scarti dell’industria di trasformazione agrumicola che normalmente verrebbero semplicemente gettati via. È nata così la start up Orange Fiber, di Adriana Santanocito ed Enrica Arena, che ormai cinque anni fa hanno cominciato a lavorare a questa idea, che nel 2014 è diventata realtà.

“Il nostro sogno è sapere che ogni volta che qualcuno mangia un agrume, dopo averci conosciute, saprà che lo scarto prodotto finirà nelle mani di due matte che lo trasformeranno in un tessuto sostenibile per consumatori consapevoli”, dicono le due imprenditrici. Che sono partite da un assunto: la volontà di riutilizzare le oltre 700.000 tonnellate di sottoprodotto che l’industria di trasformazione agrumicola italiana produce annualmente, per creare un tessuto sostenibile che risponda all’esigenza di innovazione dei brand della moda.

Tutto è cominciato quando Adriana, che studiava moda, immaginava per la sua tesi un tessuto sostenibile dagli agrumi. Una volta condivisa l’idea con Enrica, le due hanno investito tempo e risorse per perfezionarla. Per prima cosa hanno condotto uno studio di fattibilità con il Politecnico di Milano, poi hanno sviluppato il brevetto, che è stato depositato in Italia ed esteso a PCT internazionale.

Dallo scarto al riuso: il tessuto dalle arance

Orange Fiber è stata costituita a febbraio 2014, ha sede a Catania e in Trentino.

Il progetto è stato finanziato da due Business Angel, un avvocato ed ammesso al finanziamento di Trentino Sviluppo sul programma Operativo FESR 2007-2013 della Provincia Autonoma di Trento, con il contributo del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale.

A settembre del 2014 la società ha presentato in anteprima – in occasione della Vogue Fashion Night Out – il primo tessuto dalle arance al mondo, composto da acetato da agrumi e seta in due varianti: un raso bianco e un pizzo nero e bianco ottenuti tessendo Orange Fiber con della seta comasca. L’anno successivo, grazie anche al finanziamento Smart&Start di Invitalia, Orange Fiber ha inaugurato il primo impianto pilota per l’estrazione della cellulosa da agrumi. Il progetto è in fase operativa: il primo lotto di tessuto viene venduto e i top brand della moda cominciano a interessarsi di questa nuova realtà.

tessuto dalle arance

La loro materia prima è sostenibile perché utilizza materia di scarto e non intacca la produzione alimentare, anzi offre una risposta precisa al problema dello smaltimento del pastazzo. Le loro arance provengono dalla Sicilia – la loro terra – dove ha sede anche l’impianto pilota. Tutti i loro tessuti hanno un aspetto serico, simile alla seta, possono inoltre essere stampati e colorati come i tessuti tradizionali. Il tessuto dalle arance fa bene alla pelle? Negli obiettivi di lungo periodo c’è quello di approfondire anche le ricerche sulla possibilità di arricchire il tessuto con vitamine già naturalmente presenti negli agrumi, concentrandosi in particolare sulla loro efficacia e durata per pensare al benessere di chi indosserà i capi realizzati con Orange Fiber.

.

Nel 2015 la loro idea ha vinto il Global Change Award, ed il 21 marzo 2016 le due imprenditrici hanno vinto l’Elle Impact2 For Women Award, la prima edizione italiana del premio per l’imprenditoria sostenibile femminile voluto da ELLE e Le Comptoir de l’Innovation con il sostegno del Gruppo Intesa Sanpaolo.

Scrivi un tuo commento

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top