Innovazione

Robot e responsabilità. Nuove norme dall’UE

robotica

Robot e responsabilità, nuove norme in arrivo dall’Unione europea. Nei giorni scorsi, gli eurodeputati hanno approvato a maggioranza una risoluzione per richiedere alla commissione di seguire lo sviluppo della robotica e, in particolare, definire norme per inquadrare il rapporto fra robot e responsabilità: responsabilità civile, responsabilità penale, gestione dati, sicurezza, privacy e, finanche, norme etiche per prevenire i casi di ribellione dei robot, come decenni di letteratura sull’intelligenza artificiale ci hanno insegnato.

Robot e responsabilità. Il caso delle auto senza conducenti

Non sono questioni futuribili ma problemi del nostro presente. Come comportarsi e a quali norme fare appello in caso di incidenti con auto senza conducenti? Come definire la responsabilità civile e penale nel caso ci siano vittime? Gli eurodeputati hanno proposto un regime di assicurazione obbligatoria per questo tipo di auto e un fondo integrativo per garantire il risarcimento alle vittime.

Verso il riconoscimento di status giuridico

La riflessione su robot e responsabilità, sostengono gli eurodeputati, dovrà portare, nel tempo, al riconoscimento di uno specifico status giuridico dei robot che permetta di chiarire in che misura il robot è responsabile in caso di danni. I robot, grazie a un’intelligenza artificiale sempre più sofisticata, possono già assumere decisioni autonome, capaci di innescare azioni e reazioni. Come comportarsi, allora, in caso di macchine inefficienti, “impazzite” o, peggio, volontariamente “ribelli”? Si tratta di un tema classico della letteratura di fantascienza ma che sembra diventare per noi sempre più vicino. Anche per questo, sostengono dall’Europarlamento, è necessario capire come individuare la responsabilità in capo ai robot. Ci sono poi le questioni relative alla gestione dei dati, alla gestione delle immense quantità di informazioni che i robot utilizzano e che richiamano, pertanto, problemi di privacy e sicurezza. Alla luce di tutte queste implicazioni su robot e responsabilità, i deputati europei intendono definire un codice di condotta volontario che progettisti e ricercatori dovranno sottoscrivere, impegnandosi così a rispettare alcune norme legali ed etiche di base, prima fra tutte il rispetto della dignità umana. Tali norme potranno essere utilizzate per definire standard condivisi a livello europeo.

Robot e responsabilità nel mercato del lavoro

Parlando di robot non si può non parlare delle implicazioni che la robotica ha avuto, e continuerà ad avere, nel mondo del lavoro. I robot uccidono il mercato del lavoro? Ammazzano oppure creano nuovi posti di lavoro? Il settore della robotica, nello specifico, è in crescita: +29% la vendita dei robot nel mondo nel 2014, secondo i dati forniti da Federation of Robotics. D’altra parte, però, più robot nelle catene di montaggio determinano meno operai al lavoro. Anche questa è una delle motivazioni per cui gli eurodeputati chiedono norme nuove per regolamentare il rapporto fra robot e responsabilità. Qui le dichiarazioni di Mady Delvaux, del Parti ouvrier socialiste luxembourgeois, relatrice della risoluzione dell’Europarlamento.

[Foto di Kai Schreiber-Wikimedia]

Scrivi un tuo commento

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top