Interni

Stefano Cucchi: omaggio social dei politici a 12 anni dalla morte

Sono 12 anni che Stefano Cucchi non c’è più. Il 22 ottobre del 2021 ricorre l’anniversario della sua morte, avvenuta a Roma mentre era sottoposto a custodia cautelare. Dopo anni di processi e di sentenze discusse, la Corte d’assise di Roma ha condannato i carabinieri Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro a 12 anni di carcere (poi aumentati a 13 in appello) per omicidio preterintenzionale. Sentenza che ha fatto tirare un sospiro di sollievo alla sorella di Stefano, Ilaria, e ai suoi familiari. A ricordare sui social il ragazzo nel giorno dell’anniversario della sua morte sono migliaia di persone, tra cui anche personaggi dello spettacolo ed esponenti politici.

Stefano Cucchi

Il primo a ricordare Stefano Cucchi, con 24 ore di anticipo, è Fedez. Il rapper pubblica un videomessaggio abbastanza polemico. “Lo Stato deve aprire gli occhi. Accettare le proprie responsabilità e imparare dai propri errori per maturare”. Video poi postato da Ilaria Cucchi sul suo profilo Facebook. La sorella di Stefano invita tutti a partecipare alla commemorazione che si terrà a Roma.

Ma sui social network non potevano mancare i messaggi dei politici. “Il mio pensiero in questo triste anniversario va a Stefano Cucchi, a sua sorella e alla sua famiglia. E a tutti coloro che nelle forze dell’ordine hanno aiutato ad arrivare alla verità. Perché non succeda mai più”, scrive su Twitter il segretario Pd Enrico Letta.

“Questa immagine dello Stato idealmente e finalmente vicino a chi da anni chiede verità e giustizia dobbiamo tenerla bene a mente e acquisirla nel nostro bagaglio a futura memoria. – posta invece il leader M5S Giuseppe Conte – Ne faccia tesoro anche chi non ha ancora trovato il coraggio di dire alla famiglia di Stefano una parola semplice, ma pesante e importante: scusa”. “Uno Stato democratico non può e non deve avere paura di dire ho sbagliato”, dichiara invece la parlamentare Dem Laura Boldrini.

Potrebbe interessarti anche: Polizia alla proiezione del film su Stefano Cucchi: l’attacco della sorella Ilaria