Europa

500 miliardi per la ripresa Ue: il piano di Francia e Germania

500 miliardi per la ripresa economica. Questa, come rivelato dal Sole 24 Ore, la proposta avanzata dal presidente francese Emmanuel Macron e dalla cancelliera tedesca Merkel, con una video-conferenza seguita da un comunicato congiunto. L’obiettivo è “favorire una ripresa sostenibile che ripristini e rafforzi la crescita nella Ue”. Un’intesa tra Germania e Francia per “la creazione di un fondo di stimolo ambizioso, temporaneo” e mirato “come parte del prossimo bilancio della Ue dotato di 500 miliardi di euro” come spiegato dai due leader.

Una proposta che ha subito incontrato i favori di Palazzo Chigi, che ha parlato di un “passo in avanti” per la ripresa dalla pandemia. “Quanto dichiarato da Macron e da Merkel rappresenta un buon passo in avanti che va nella direzione sin dall’inizio auspicata dall’Italia per una risposta comune ambiziosa alla pandemia. Una dimensione di 500 miliardi euro di soli trasferimenti è senz’altro un buon punto di partenza, ed è comunque una dotazione di sussidi che si avvicina a quanto richiesto di recente dall’Italia e da altri partner. Da questa somma si può partire per rendere ancora più consistente il Recovery Fund, nel quadro del budget europeo”.
“Non è un accordo dei 27 paesi dell’Unione europea, è un accordo franco-tedesco. Ma non c’è accordo fra i 27 se prima non c’è un accordo franco-tedesco”, ha sottolineato Macron, aggiungendo che “ora è la Commissione europea che deve presentare la sua proposta. Dovrà costruire un’unanimità attorno a questo accordo. C’è ancora del lavoro da fare, ma è un passo avanti senza precedenti”.Anche la presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, ha accolto con interesse la proposta. “Accolgo con favore la proposta costruttiva fatta da Francia e Germania. Riconosce la portata e le dimensioni della sfida economica che l’Europa deve affrontare e giustamente pone l’accento sulla necessità di lavorare su una soluzione con il bilancio europeo al centro”.

Veneto, Zaia annuncia: “Ok agli spostamenti, accordo con Emilia, Friuli e Trento”