Economia

730 precompilato 2019, dal bonus verde alle detrazioni delle spese di istruzione: ecco tutte le novità in arrivo

In arrivo sconti fiscali per chi fa l’abbonamento ai mezzi pubblici o sottoscrive una polizza contro le calamità naturali. Il momento della dichiarazione dei redditi si avvicina e, anche quest’anno ci saranno alcuni cambiamenti che accompagneranno il nuovo 730 precompilato: diverse novità in vista specialmente per quanto riguarda le detrazioni, dove si va dall’introduzione del bonus verde, all’aumento della percentuale di detrazione per le donazioni ad onlus e associazioni di volontariato, e ancora all’arrivo della detrazione dei trasporti pubblici a quelle delle spese per i figli. Proprio in questi giorni, la bozza del nuovo modello 730 precompilato di quest’anno è stata pubblicata sul sito dell’Agenzia delle Entrate insieme alle istruzioni per la compilazione, mentre per il modello ufficiale sarà messo a disposizione dei lavoratori dipendenti e dei pensionati a partire dal 15 aprile, sempre sul sito internet dell’Agenzia. Dunque nell’attesa vediamo più nello specifico quali saranno le più importanti novità della prossima campagna fiscale 2019.

Spese di istruzione
Per chi ha figli che frequentano corsi fino alle superiori è salito da 717 a 768 l’importo massimo per le spese di istruzione detraibili, per l’iscrizione e la frequenza di tutto il ciclo scolastico, dall’asilo al liceo. Introdotta poi una detrazione ad hoc per gli studenti con diagnosi di “disturbi specifici dell’apprendimento”. Prevista infatti la detrazione del 19% per le spese sostenute per l’acquisto di strumenti e sussidi tecnici e informatici necessari all’apprendimento e per l’utilizzo di strumenti che favoriscono la comunicazione verbale e l’apprendimento delle lingue straniere. La detrazione spetta fino al completamento della scuola secondaria di secondo grado.

Bonus trasporti
In pista la nuova detrazione per il trasporto pubblico. L’agevolazione fiscale spetta per gli abbonamenti annuali per bus e treni locali, regionali e interregionali. Si tratta di una detrazione del 19 per cento su un importo massimo di spesa di 250 euro per ciascun contribuente, comprese le eventuali spese sostenute per i familiari fiscalmente a carico.


Pacchetto casa
Esordio sul prossimo 730 precompilato anche per alcune novità per la casa. Previsto infatti il “bonus verde”, ossia la detrazione del 36% delle spese sostenute, fino ad un massimo di 5.000 euro, per interventi di sistemazione a verde di aree scoperte private e condominiali. Ammessi all’agevolazione i lavori di coperture a verde, creazione di nuovi giardini, installazione di impianti di irrigazione e realizzazione di pozzi. Sempre in tema di casa c’è anche la detrazione del 19 per cento per i premi per assicurazioni contro il rischio sismico. Interessate solo le unità immobiliari a uso abitativo. In ambito condominiale invece, arriva la detrazione per ristrutturazione maggiorata per gli interventi finalizzati contemporaneamente alla riduzione del rischio sismico e alla riqualificazione energetica. In questo caso l’aliquota è pari all’80 per cento in caso di passaggio a una classe di rischio inferiore, e all’85 per cento se si scende di due classi di rischio.

Donazioni al Terzo settore
Chi ha effettuato erogazioni liberali, poi, avrà un vantaggio fiscale più elevato. Sale infatti dal 26 al 30 per cento la detrazione per le donazioni in favore di Onlus e associazioni di promozione sociale, e passa al 35 per cento in caso di erogazioni alle associazioni di volontariato.
Per quanto riguarda invece la data ultima per l’inoltro telematico del 730 precompilato, come ogni anno c’è una differenza di scadenze rispetto alle condizioni di invio: se viene presentato nel sito dell’Agenzia delle Entrate o attraverso il datore di lavoro deve essere approvato o modificato e inviato entro il 23 luglio, mentre se il modello viene inviato da un Caf (centro di assistenza fiscale), la scadenza è fissata al 7 luglio.

 

Ti potrebbe interessare anche: Grazie alla manovra 2018 debutta il “bonus verde”