Sport

Vialli e Mancini, le lacrime e un abbraccio in cui c’è l’Italia intera

Un abbraccio lungo una vita. Una vita insieme, da amici e compagni di squadra. E ora da condottieri di una Nazionale che ha conquistato l’Europa. Vialli e Mancini un binomio inscindibile. E ora tutti concordano che l’immagine più bella di Euro 2020 è proprio quel lungo abbraccio tra Roberto Mancini e il suo grande amico e collaboratore, ma soprattutto amico, Gianluca Vialli. I due si sono stretti in un grande abbraccio con il commissario tecnico che si è letteralmente sciolto in lacrime per un risultato insperato ma raggiunto solo attraverso il gioco e al grande gruppo. (Continua a leggere dopo la foto)

Gianluca Vialli è stato voluto nel suo staff da Roberto Mancini in persona. Dalla malattia fino ad arrivare al tetto d’Europa con il suo amico: è questa la grande rivincita di Gianluca ed è per questo che in quell’abbraccio c’è davvero tutto ed è significativo di quanto questa nazionale abbia vinto grazie all’unione di intenti e alla forza del gruppo e il grande artefice di questo successo ha solo un nome e un cognome: Roberto Mancini. (Continua a leggere dopo la foto)

“Dentro quelle lacrime c’è l’emozione per aver fatto una cosa incredibile, c’è il lavoro di tre anni e di questi 50 giorni, di un gruppo per bene che ha creato qualcosa di indivisibile. Era una cosa impossibile da pensare. I ragazzi sono stati straordinari, non ho parole. Un titolo meritato, ci ho sempre creduto. Uomini veri che hanno sofferto e vinto, esprimendo un grande gioco”, ha detto Mancini a fine gara. (Continua a leggere dopo la foto)

Il successo dell’Europeo è un diamante purissimo nella carriera del Mancio, capace dopo 53 anni di riportare in Italia la coppa. Conquistare il trofeo a Wembley, dove prima della finale risuonavano quasi come un presagio le note del Vincerò e Notti Magiche, vale doppio. Mancini ha cavalcato e compiuto una rivoluzione culturale. Ha preso un’Italia sbandata dopo la mancata qualificazione al Mondiale di Russia, l’ha rimessa in piedi. Un esempio da seguire, questo è diventato per i giocatori, stupiti dal rapporto speciale con Vialli.

Ti potrebbe interessare anche: L’Isis torna a minacciare l’Italia: “Prenderemo Roma”