Lifestyle

Alcuni trucchi per navigare su internet proteggendo i dati personali

Come proteggersi mentre facciamo una delle azioni che ormai caratterizza le nostre giornate ovvero navigare su internet? La privacy è sempre più minacciata, anno dopo anno. La facoltà di proteggersi è diventata essenziale, sopratutto da individui pericolosi che si celano dietro false identità.

I dati degli utenti vengono spesso catturati e visto che provengono da una vasta gamma di fonti, è facile appropriarsene ed usarli in modo improprio.

Come proteggere le informazioni private, garantendo la nostra navigazione? Ci sono semplici accorgimenti che però possono diventare fondamentali contro l’intrusione alla vita privata online.

Il sito techadvisor.co.uk offre qualche spunto.
Per prima cosa è utilissimo utilizzare le VPN, meglio conosciute come Reti Private Virtuali. Sono una tra le migliori soluzioni per la sicurezza di Internet. Facili da usare e configurare, hanno un effetto minimo sull’utilizzo quotidiano del computer, ma possono proteggere la privacy dei dati in quanto crittografa i dati che si spostano tra il dispositivo e Internet. Facili da installare, si scarica come un comunissimo programma ma può fare la differenza.

Privacy-internetLeggi anche: Nasce Federprivacy, marchio di qualità per i siti web che rispettano la privacy degli utenti

Un’altra soluzione per la sicurezza dei dati su Internet è rappresentata dai plugin per il browser. Questi funzionano mentre si naviga e tengono al sicuro i dati personali da fonti che potrebbero violarli o provarli ad acquisire. Un esempio? Ghostery! Come le VPN, è molto facile da usare e configurare, offrendo un ottimo livello di protezione che tutti possono utilizzare.

Si possono inoltre utilizzare anche gli IM crittografati: la crittografia dei messaggi inviati è visto solo dalle persone che si desidera vedere, aiutando a garantire un controllo della vita privata. Un esempio è dato dal social di messaggistica WhatsApp che possiede una crittografia end-to-end. Anche se questo è un buon livello di sicurezza aggiuntiva, si dice che sia ancora hackerabile. Dobbiamo quindi attendere che sia perfezionato.

Leggi anche: DuckDuckGo: il motore di ricerca alternativo

The Onion Router, abbreviato in TOR in breve costituisce l’ultimo esempio valido. Si tratta di un browser Web creato appositamente per l’uso anonimo. Con TOR è possibile navigare in rete senza problemi di violazione. Come funziona?

É capace di installare la connessione a un sito web in diverse posizioni casuali in tutto il mondo, quindi quando la connessione raggiunge il server, sembra chela posizione iniziale sia giunta da un pin tuo diverso da quella effettiva.

TOR ha diversi livelli di sicurezza. L’unico disagio è il rallentamento della navigazione.