Vai al contenuto

Aleksey Navalny condannato a 19 anni per estremismo

Aleksey Navalny Condannato estremismo

Il dissenziente russo Aleksey Navalny è stato condannato a 19 anni di reclusione in una colonia a regime speciale dal tribunale di Mosca. Navalny, una figura chiave nell’opposizione al Cremlino, è stato giudicato colpevole di “estremismo” in un processo che molti considerano essere motivato politicamente.

L’agenzia di notizie Tass ha riportato la notizia del verdetto. Navalny sta attualmente scontando diverse condanne per un totale di 11 anni nella colonia penale nella regione di Vladimir. Secondo il verdetto, Navalny è stato ritenuto colpevole di aver istituito e partecipato a una comunità estremista, aver finanziato attività estremiste, organizzato una comunità estremista, bandi pubblici per attività estremiste e aver coinvolto minori in attività pericolose per loro. Inizialmente, la procura aveva richiesto una pena di 20 anni.

Navalny, 47 anni, è stato arrestato nel 2021 al suo rientro in Russia dalla Germania, dove era stato trattato dopo un avvelenamento quasi mortale, attribuito dai suoi sostenitori ai servizi segreti russi. Nel marzo 2022, era stato condannato a nove anni di prigione per frode e oltraggio della corte.

La sentenza ha provocato una forte reazione internazionale. “Questa condanna arbitraria è la risposta al suo coraggio di parlare criticamente contro il regime del Cremlino. Ribadisco l’appello dell’Ue per il rilascio immediato e incondizionato di Navalny”, ha dichiarato Charles Michel, presidente del Consiglio Ue.

I sostenitori di Navalny hanno definito il processo una farsa, criticando il fatto che si sia svolto a porte chiuse e non in un tribunale, ma nella colonia penale di Melekhovo, a 260 km da Mosca. Tuttavia, la risposta del governo russo a queste accuse resta, per il momento, inascoltata