People

Incredibile ma vero, anche Alessandra Mussolini umilia la Meloni: “Subito il Ddl Zan

A Giorgia Meloni sta dicendo davvero male. Adesso ci si mette anche Alessandra Mussolini. L’ex parlamentare e nipote di Benito Mussolini nelle scorse ore ha infatti pubblicato un post su Facebook a favore del ddl Zan, il provvedimento contro l’omofobia promosso dal deputato Pd, Alessandro Zan, che inizia a dividere il centrodestra e sta creando un dibattito all’interno di Forza Italia. “Subito la legge… mai più discriminazioni”, scrive Alessandra Mussolini rilanciando l’hashtag #DiamociUnaMano creato da Vanity Fair per sostenere l’approvazione del ddl. Una campagna a cui stanno aderendo in tanti, da Loredana Bertè a Alessandra Amoroso, dai Tiromancino a Ermal Meta. (Continua a leggere dopo la foto)

Come ricorda Il Fatto Quotidiano parlando di “ravvedimento”, nel 2006 fu protagonista di un durissimo scambio di battute con Vladimir Luxuria, conclusosi con una frase che negli anni le è stata più volte contestata: “Meglio fascista che frocio”. Ma ora Alessandra Mussolini, sembra fare marcia indietro. Sotto al post, però, non mancano i commenti di chi ricorda all’ex europarlamentare forzista il precedente del 2006. Un episodio su cui Alessandra Mussolini è tornata di recente, durante il programma “Ballando con le stelle” a cui ha partecipato da concorrente. Sollecitata da Fabio Canino, Alberto Matano e Selvaggia Lucarelli, ha chiesto scusa, sostenendo che “questa cosa non andava detta”. (Continua a leggere dopo la foto)

Poi aggiunse: “Sicuramente, sia da parte mia che da parte di Vladimir, ci sono state frasi completamente sbagliate e fuori luogo”. Il suo appoggio al ddl Zan non è passato di certo inosservato nemmeno nel centrodestra, dove gli umori sono contrastanti. Sono in tanti anche in quell’area a essere a favore del provvedimento. “Quali discriminazioni ci sono oggi per gli omosessuali. Me lo spieghi, Alessandra?”, scrive sempre su Facebook Lucio Malan, senatore di Forza Italia, entrato di recente in polemica anche con l’ex compagna di Silvio Berlusconi, Francesca Pascale. (Continua a leggere dopo la foto)

Vladimir Luxuria, invece, su Twitter si dice “pronta a dare il benvenuto a chi condivide l’ideale di una società in cui a essere discriminati siano i portatori di odio verso gay, lesbiche, bisessuali, trans, donne e disabili: da chi non te lo aspetteresti non è di meno apprezzato”.

Ti potrebbe interessare anche: Con le riaperture arriva anche il pass per spostarsi tra regioni: chi può averlo e come funziona