Tecnologia

Alexa Echo: la relazione di un bambino con l’assistente vocale di Amazon

Navigare in rete può essere un’esperienza entusiasmante, che permette ai bambini di ampliare le loro conoscenze e approfondire i propri interessi: ascoltare storie e canzoni in una lingua straniera, consultare enciclopedie interattive, conoscere culture lontane e affascinanti. La rete non deve necessariamente portare ad isolarsi, al contrario può diventare un luogo di socializzazione, dove interagire con gli amici o fare attività in famiglia. Un classico esempio sono i videogiochi: quando genitori e figli giocano e si divertono insieme si rafforzano i legami famigliari. Senza un’adeguata guida i bambini tendono a trascorrere troppo tempo utilizzando smartphone, tablet e pc: un comportamento negativo che, soprattutto nell’infanzia, può provocare rischi per la salute. I genitori devono insegnare ai figli ad utilizzare internet in modo sicuro, impegnandosi prima di tutto a conoscere questo strumento loro stessi. Essere consapevoli dei rischi come delle opportunità è essenziale per scegliere protezioni adeguate: l’educazione e l’utilizzo di sistemi per filtrare i contenuti efficaci e aggiornati sono i principali modi per difendere i bambini dai pericoli di internet.

alexa-echo-bambini

Oggi l’intelligenza artificiale è parte integrante delle nostre vite, sopratutto quando le nostre case sono abitate da dispositivi intelligenti come Alexa, l’assistente vocale di Amazon. Tuttavia molti bambini interagiscono con loro, e questo  è sempre più comune, dicono gli esperti. Le prime quattro parole che il mio bambino capì erano “mamma”, “papà”, “gatto” e “Alexa”. É il caso di Cameron, un bambino che ha riconosciuto per la prima volta il nome di assistente vocale di Amazon mentre era seduto, coperto con salsa di spaghetti, nel suo seggiolone. “Avevo appena detto “Alexa” che alzò la testa per guardare l’altoparlante Echo nascosto dietro il pothos dorato in vaso sulla libreria. Mi aveva sentito dire molte volte Alexa (mi chiedevo spesso se pensava che fosse la pianta a rispondere), ma questa volta sapeva che l’Eco si sarebbe acceso e avrebbe detto qualcosa.” Afferma la mamma.

Per Cameron, che ora ha 20 mesi, Alexa non è solo un’assistente virtuale – è la DJ di casa, il promemoria per togliere la lasagna dal forno e quella che oscura le luci quando siamo troppo stanchi per scendere dal divano . Quando Alexa risponde più o meno dopo, sorride. “Qualsiasi parola tu dica molto diventa presto una parola per i bambini piccoli”, ha detto Kathy Hirsh-Pasek, presidente della International Society for Infant Studies. Questa è la prima generazione a crescere con l’intelligenza artificiale onnipresente. Secondo la società di ricerche di mercato ABI, dispositivi domestici intelligenti come Google Home e Amazon Echo saranno presenti in oltre 50 milioni di case in tutto il mondo entro la fine di quest’anno.

Leggi anche: Amazon Echo, Alexa e le registrazioni “furtive”: le spiegazioni di Amazon

alexa-echo-bambini

Leggi anche: Amazon: la realtà virtuale discrimina i candidati donna

La relazione dei bambini con gli assistenti digitali come Alexa è sempre più comune, dicono gli esperti, e avere la parola nelle prime lingue non è così sorprendente come si potrebbe pensare. Ecco perché è facile capire come un bambino possa dire come prime parole mamma, papà e Alexa. Qualsiasi cosa generi una risposta è un probabile candidato per una prima parola di un bambino. È uno dei motivi principali per cui “mamma” è una buona parola da insegnare ai bambini. Ma l’interesse di un bambino per Alexa è legato alla naturale curiosità. Amazon offre un sacco di contenuti adatti ai bambini per i dispositivi Echo, compresi i podcast che riproducono storie della buonanotte e persino giochi basati sull’audio, come l’app Disney’s Cars Adventure, che consente ai bambini di dare indicazioni di svolta a una svolta da Lightning McQueen. Alexa potrebbe non essere la relazione più ricca nella vita di un bambino, ma è una presenza che probabilmente durerà a lungo.

Leggi anche: Amazon Business, la nuova esperienza di acquisto per le aziende