Esteri

Alexandria, la donna che ha umiliato Zuckerberg e fa sognare la sinistra americana

Uno scontro ad altissima tensione, quello andato in scena di fronte alla commissione servizi finanziari della Camera americana. Da un lato il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg, uno degli uomini più influenti del mondo. Dall’altro Alexandria Ocasio-Cortez, l’ancor più giovane star dei democratici a stelle e strisce, punto di riferimento per tutti i ragazzi liberali degli Usa e schierata molto più a sinistra degli stessi leader del suo partito. 

Lui 35 anni, lei 30. Un duello senza esclusione di colpi: Ocasio-Cortez ha chiesto di Cambridge Analytica, lo scandalo dei dati degli utenti Facebook rubati e usati anche a fini elettorali (anche in occasione del referendum su Brexit del 2016, ad esempio). Zuckerberg non si aspettava un colpo simili. Spiazzato, ha tentennato dicendo di non ricordare esattamente.
A quel punto la Ocasio-Cortez ha tirato fuori una definizione tagliente: “Io penso che lei non disdegni di usare il comportamento passato di una persona per determinarne quello futuro. Ecco perché, per prendere decisioni su Libra, dobbiamo scavare nel comportamento passato di Facebook riguardo al rispetto della democrazia”. Il riferimento è alla moneta virtuale, già discussa in passato, che il re dei social vorrebbe lanciare a breve.Cambridge Analytica è uno scandalo scoppiato nel 2018 e ha leso soprattutto la privacy degli utenti ma ha avuto conseguenze anche sui meccanismi democratici, secondo l’accusa, perché ha condizionato i singoli convincimenti su questioni politiche di grande importanza. La Ocasio-Cortez ha continuato a incalzare Zuckerberg, che ha fornito ancora risposte incomplete: “Lei non sa rispondere sul più grande scandalo dei dati”.

E ancora: affondi sulla dei politici e sulle loro dichiarazioni, fake news, inserzioni pubblicitarie non verificate. Un vero e proprio massacro, con il papà di Facebook sempre più in imbarazzo. E un mondo, quello dei democratici, che celebra già in rete il suo futuro, papabile leader.

Salvini: “Pressione a 100-130, ho detto stop ai formaggi”. Poi il brindisi con il mojito