Amazon-Pay

Amazon spinge Amazon Pay: agevolazioni per i venditori che lo utilizzano

Offrendo agevolazioni per i venditori che la utilizzano, Amazon spinge Amazon Pay. Il colosso mondiale dell’e-commerce ha realizzato cioè un proprio servizio di elaborazione pagamenti in-house e sta cercando di lanciarlo al meglio offrendo diversi benefici a specifiche categorie. Se sei un commerciante e permetti di pagare la merce acquistata attraverso Amazon Pay e non con altre carte di credito o debito puoi usufruire di sconti molto interessanti.
Insomma sacrificando lievemente i profitti, almeno inizialmente, Amazon sta cercando di guadagnare quote di mercato e sconfiggere i competitor come PayPal. La guerra, però, è appena iniziata. Amazon, almeno inizialmente, pare essersi giocato bene le sue carte. Le azioni del rivale  hanno inizialmente perso più del 3% e subito quindi un duro colpo. E’ dura, però, sconfiggere le vecchie abitudini. Jason Kupferberg, analista della Bank of America, ritiene che l’adozione di Amazon Pay potrebbe rivelarsi una dura e lunga battaglia. Quest’ultimo ha sottolineato che: «Alcuni commercianti SMB possono benissimo aggiungere Amazon Pay al loro sito web se l’incentivo economico è abbastanza grande». Kupferberg si è però posto una domanda molto semplice mettendo a dura prova il ragionamento fatto da Amazon: «Per un consumatore che è già un utente attivo di Pay Pal, perché dovrebbe passano ad Amazon Pay?». La guerra intrapresa sarà pure dura, ma secondo un altro analista Amazon parte in vantaggio. Secondo Rewatt, infatti, dalla sua parte vi sono: una rete consolidata di oltre 2 milioni di commercianti, 100 milioni di utenti Prime e, come se non bastasse, 30 milioni di utenti di Amazon Pay. Numeri impressionanti che sono sicuramente un’ottima base di partenza per un mercato di successo.

amazon-payAmazon spinge Amazon Pay: tutti i benefici per i venditori  

Il mondo dei pagamenti online sta cambiando notevolmente e ormai tutti se ne sono accorti. Amazon, con Amazon Pay, sta cercando di seguire le orme di eBay e Alibaba Group Holding che hanno creato rispettivamente una propria società di pagamento. In fin dei conti se anche il supermercato sotto casa offre maggiori sconti a chi paga con la carta di debito del supermercato stesso, perché Amazon non può fare la stessa cosa?  Il colosso ha deciso, almeno per ora, di offrire benefici ai venditori. Quali? Per le piccole e medie imprese vi sono diversi vantaggi fra i quali:

  • prezzi migliori
  • una massiccia base di acquirenti online
  • funzionalità logistiche aggiuntive

Per i commercianti Amazon Pay è un’opportunità da cogliere. Perché? Secondo gli esperti molti utenti saranno felici di trovare nei vari siti web la comodità, la sicurezza e la familiarità di Amazon e di concludere l’acquisto dell’oggetto dei propri sogni con pochi clic.
Pare, inoltre, che sia già stato stimato, grazie ad Amazon Pay, una riduzione del tasso di abbandono del processo di acquisto. Come? Funzionando come Pay Pal, l’Amazon Pay permette di acquistare prodotti sui vari siti senza dover ricordare troppi codici o l’intero numero della carta, ma solo uno user ed una password inventata dall’utente stesso. Oltre a ciò i clienti Amazon potranno ritrovare all’interno del servizio Amazon Pay tutti i loro dati e non dover indicare sempre l’indirizzo di fatturazione ed il luogo di spedizione. Sembrano banalità, ma nonostante il trend degli acquisti online sia in costante crescita, c’è sempre qualcuno che chiude la schermata e rinuncia a portare a termine la transazione perché non ricorda codici o non ha tempo da perdere nell’inserire tutti i dati richiesti.

Amazon spinge Amazon Pay: come diventare partner

Per diventare partner e soprattutto per integrare Amazon Pay ciascun commerciante dovrà accedere all’Amazon Global Partner Program. Nel sito dedicato ci sono tutte le istruzioni e le risposte a tutte le domande dei grandi, medi e piccoli imprenditori. La procedura guidata aiuta a completare passo dopo passo la procedura di registrazione. I venditori possono accedere quindi al programma di affiliazione descrivendo  la propria attività e rimanendo in attesa  della certificazione. L’integrazione di Amazon Pay nel processo di checkout del sito di e-commerce è basata su API. Configurarlo è semplice, le indicazioni sono sempre sul sito così come le percentuali riguardanti le commissioni trattenute dal colosso.

Resta informato su tutte le novità di casa Amazon

CONDIVIDI
Alessandra Solmi
Classe 1985, una laurea specialistica in comunicazione ed una malattia: il giornalismo. Prima per passione e poi per lavoro ama andare a caccia di notizie. Non si finisce mai di imparare anche perché le nuove tecnologie sono sempre pronte a lanciare nuove sfide in qualsiasi campo.