People

Anestesista si arrende al Covid e lascia il lavoro: “Ritmi ormai insostenibili”

Una vita di reperibilità, urgenze e notti, che non conosce il significato della parola festivo né, troppo spesso, della parola riposo. Lo sanno bene, gli ospedalieri, soprattutto medici di Pronto soccorso e di medicina d’urgenza, internisti, anestesisti, specialisti in chirurgia generale. Ma anche infermieri e operatori sanitari, ovviamente. Una vita di sacrifici dedita al lavoro, trascurando inevitabilmente se stessi e i propri cari. A peggiorare la situazione è arrivata anche la pandemia mondiale di Covid-19, cosicché oltre allo stress è arrivata anche la paura di infettarsi e morire. Dunque se qualche medico, infermiere o anestesista arriva al limite prendendo la decisione di cambiare vita, come biasimarlo. “È diventato impossibile lavorare, si fanno turni di dodici ore, ritmi pesantissimi anche per un giovane neo assunto ma insostenibili per una persona di 60 anni. Capita spesso che ti chiamino per intubare qualcuno, fai tempo a spogliarti marcio di sudore, mangi qualcosa e poi si deve tornare dentro di corsa. Si esce stremati. La stanchezza è sia fisica sia psicologica e la somma delle due è un peso che per me è diventato non più tollerabile”.

A parlare è Paolo Sega, rianimatore del San Luigi di Orbassano, che a sessant’anni ha deciso di lasciare l’ospedale per andare a fare il medico di medicina generale. Come ha raccontato a Republica, il 1° novembre l’anestesista torinese si è licenziato, ma ironia della sorte è da qualche giorno è malato insieme alla sua famiglia: “Non ho fatto in tempo a lasciare il lavoro dopo trentun anni senza prendermi il Covid”. Secondo Sega, il contagio è arrivato non in un reparto Covid, dove le protezioni sono adeguate, ma in uno No-Covid: “Qui si usano solo mascherine chirurgiche. Un paziente che era negativo si è positivizzato durante la degenza e il risultato è che ne ha infettati quattro, fra medici e infermieri”.
La seconda vita come medico di famiglia comincerà il 1° febbraio, ma l’anestesista è già inserito in graduatoria all’Asl To4. I racconti dei medici di famiglia che si lamentano per un carico di lavoro difficilmente tollerabile anche per loro non lo spaventa: “Ho parlato con un collega che mi sta spiegando il lavoro, e mi rendo conto delle difficoltà e del disagio di questi mesi anche per i medici di medicina generale, ma la vita in ospedale non è paragonabile, non c’è confronto che tenga”.
Ti potrebbe interessare anche: Negazionisti, lo sfogo di un’infermiera: “Ho visto pazienti Covid che muoiono dicendo che il virus non esiste”