Imprese

Apple assumerà 20mila persone negli Stati Uniti

“L’ASTRONAVE madre”, come lo chiamano gli appassionati, cioè “Campus 2”, non è un nuovo iPhone o un nuovo Mac. E’ la prossima sede centrale di Apple, l’ultimo grande progetto voluto e curato da Steve Jobs, che ha personalmente deciso sia la struttura nelle sue linee generali che moltissimi particolari anche minimi. Proprio come faceva per i Mac, gli iPhone e il primo iPad.

Apple scommette sull’America. E la sua scommessa è da record: l’azienda simbolo di innovazione e regina dei valori di Borsa ha fatto sapere di voler rimpatriare una parte probabilmente significativa del suo “tesoro” di profitti esteri da oltre 250 miliardi di dollari, stimando in 38 miliardi le tasse una tantum da pagare per portare a termine l’operazione quale effetto della riforma delle imposte realizzate da Donald Trump e dal congresso repubblicano.
Apple sta per dare all’economia statunitense un enorme impulso sotto forma di un investimento quinquennale da 350 miliardi di dollari. Come parte di questo, impegnerà $ 55 miliardi solo quest’anno e prevede di aggiungere 20.000 nuovi posti di lavoro in quel periodo di tempo. Seguendo le orme di Amazon, quest’anno prevede anche di aggiungere un nuovo campus negli Stati Uniti. Apple afferma che non include i pagamenti delle imposte in corso, le entrate fiscali generate dagli stipendi dei dipendenti o la vendita di prodotti Apple.
apple-campus-
Leggi anche: L’app Shazam acquistata da Apple per 400 milioni di dollari
Si tratta di investire 30 miliardi, creare ventimila posti di lavoro e aprire le porte di un nuovo, grande Campus nel Paese . Un secondo quartier generale sulle orme della scelta effettuata di recente da un altro leader hi-tech, il gigante del commercio elettronico e di Internet Amazon. Apple dice che annuncerà la posizione di questa nuova struttura entro la fine dell’anno, con un piano per far funzionare l’edificio su fonti di energia rinnovabili al 100%.
Gli investimenti promessi dal gruppo guidato da Tim Cook – 30 miliardi- saranno suddivisi in dieci miliardi destinata alla costruzione di Data Center e altri 20 miliardi  in potenziamento infrastrutture tech, tutti però all’interno degli Stati Uniti. Cinque miliardi saranno inoltre in dotazione a un fondo battezzato Advanced Manufaturing Fund, una cifra superiore a quella finora stanziata di un miliardo e destinata a sostenere filiere di imprese e startup necessarie al suo sviluppo.
apple-campus-Ulteriori impegni da definire riguarderanno l’istruzione. Apple prevede di espandere le sue iniziative di codifica, aiutando studenti e insegnanti del K-12 e presso i college della comunità di tutto il paese a imparare preziose abilità di programmazione. L’azienda ha calcolato che assieme investimenti, scommesse manifatturiere e l’assegno record staccato per le imposte ammonteranno a circa 75 miliardi del contributo economico totale di 350 miliardi che ha delineato.
La quantità di denaro e di investimenti coinvolti da una società privata qui è sbalorditiva e dovrebbe aiutare a creare nuovi posti di lavoro, stimolare le economie locali e aiutare gli studenti a formare la prossima generazione di posti di lavoro. Grazie al Campus, l’azienda dovrebbe alla fine superare facilmente il traguardo della creazione di ventimila nuovi impieghi. Apple ha oggi 84.000 dipendenti nei cinquanta stati americani.
L’ad Cook ha messo in chiaro il messaggio che vuole inviare con la scommessa multimiliardaria: “Abbiamo un profondo senso di responsabilità -ha dichiarato- che ci spinge a ripagare il nostro Paese e la gente che ha permesso al nostro successo di realizzarsi”.
Leggi anche: Apple premia i giovani sviluppatori