Giustizia

Approvata all’unanimità la riforma del Csm: Lega insoddisfatta

Il Consiglio dei ministri approva all’unanimità la riforma del Csm e dell’ordinamento giudiziario. Convocato inizialmente per le 10 di mattina di venerdì 11 febbraio, il Cdm è slittato prima di un’ora e poi fino alle 12 e 30. I ministri di Forza Italia hanno spiegato che il ritardo era dovuto alla necessità di analizzare meglio alcuni aspetti della riforma. Dopo questo piccolo giallo, però, i lavori si sono conclusi velocemente. La soddisfazione del premier Mario Draghi e l’insoddisfazione di Giulia Bongiorno, responsabile del dipartimento Giustizia della Lega.

Giulia Bongiorno insoddisfatta dalla riforma del Csm

“È stata una discussione ricchissima e anche molto condivisa grazie anche alle numerose interazioni con i partiti, il ministro Cartabia e il sottosegretario Garofoli- dichiara Draghi nella conferenza stampa dopo il Cdm – C’è stata condivisione della riforma e delimitazione delle aree con differenze di vedute e impegno ad adoperarsi con i capigruppo per avere priorità assoluta in Parlamento entro l’elezione del nuovo Csm”.

“C’è stata questa consapevolezza della necessità di un pieno coinvolgimento delle forze politiche. – spiega Draghi – Quindi niente tentativi di imporre la fiducia. È un provvedimento di portata tale che necessita di questa apertura”, prosegue il premier aggiungendo che “c’è stato l’impegno di tutti ministri a sostenere con i propri partiti questa riforma”.

“La riforma dell’ordinamento giudiziario e del Csm era ineludibile per la scadenza a luglio del Consiglio ora in carica, ma anche per accompagnare la magistratura in un percorso di recupero della piena fiducia e credibilità”, esulta anche il ministro della Giustizia Marta Cartabia. Ma per Giulia Bongiorno della Lega “quanto approvato è solo un punto di partenza. Il testo dovrà essere migliorato in Parlamento, così come assicurato dal premier Mario Draghi, ma un cambiamento radicale sarà possibile solo grazie ai referendum”.

Potrebbe interessarti anche: Mattarella dribbla il Quirinale: “Csm presto presieduto da nuovo capo dello Stato”

Torna su