Interni

Artista anticlericale amica della comunità Lgbti: com’era Lucia Borgonzoni fino a qualche anno fa

Un tema che ha scatenato una vera e propria bagarre in studio, durante la trasmissione Dritto e Rovescio di Paolo Del Debbio, con Lucia Borgonzoni, candidata leghista al ruolo di presidente dell’Emilia Romagna, incalzata dal presidente Arcigay Rimini Marco Tonti che le ha chiesto di affrontare le tematiche Lgbti, sostenendo che il Carroccio sia vittima di una spinta omofoba. In diretta è successo di tutto, tra insulti, accuse e con l’esponente del partito di Matteo Salvini che si è limitata a commentare con un laconico “No vabbè, ci vuole un limite”. Ma la questione non è finita lì.

Come già successo all’inizio della campagna elettorale, in tanti hanno infatti rispolverato il passato della stessa Borgonzoni, che da giovane frequentava i centri sociali e lavorava come barista al Link di Bologna. La senatrice non ne ha mai fatto mistero, aggiungendo: “Lo sapevano tutti che ero leghista”. Ma uno degli storici fondatori del Link Project, Mauro Borella detto “Boris”, ritratto in una foto in un casolare occupato insieme a Borgonzoni che aveva già fatto il giro del web, ha commentato a Linkiesta: “Se ci avesse detto che era leghista l’avremmo cacciata”.
Dello stesso avviso un altro amico della Borgonzoni ai tempi della militanza, il dj Max, che ha frequentato dalla metà degli anni 90 al 2005 l’attuale senatrice: “Non era della Lega, era di sinistra e, da buona bolognese, anche anticlericale – ha spiegato sempre attraverso le pagine de Linkiesta – Frequentavamo posti che non erano di persone di destra: centri sociali, discoteche e serate dichiaratamente gay friendly all’Adrenaline a Reggio Emilia o al Ciak e a Livello 57 di Bologna”.
Come testimoniano i flyer promozionali delle serate gay Make Up al Link Project con tanto di un “programma stragay” e Smalto al Kimki, la candidata della Lega compare nel cast dell’organizzazione insieme con il Mit – Movimento Identità Trans (all’epoca Movimento Italiano Transessuale), Antagonismo Gay e Arcigay Cassero. In queste serate Lucia Borgonzoni, nipote del celebre pittore Aldo Borgonzoni, esponeva le sue opere a promozione della causa Lgbti. “Era una grande sostenitrice della causa Lgbti – ha aggiunto dj Max – Ricordo che se qualcuno parlava male dei gay, lei reagiva molto male, prendendone subito le difese. E poi le piaceva sostenere le loro serate esponendo i suoi quadri”.Poi la svolta, una volta iniziata la carriera politica nella Lega. La Borgonzoni ha iniziato a seguire un vento diverso, intensificando le dichiarazioni contro la collettività Lgbti. Tra queste, la richiesta di “togliere immediatamente il Cassero all’Arcigay”, lei che, stando alle testimonianze di chi la frequentava da giovane, aveva sostenuto e partecipato a serate organizzate da queste due realtà. “Certo che fa strano vederla in tv parlare di certe questioni e indossare in Parlamento la t-shirt con la scritta Parlateci di Bibbiano. Mi verrebbe da dirle: Lucia, parlaci del Link o del Kimki”.

Perde il lavoro e si impicca a 40 anni: il dramma di Simone ha sconvolto l’Italia