Lifestyle

Assicurazione sulle spese legali per aziende: ecco come funzionano

Aprire un’attività di qualsiasi tipo è sempre bello, specialmente se ti permette di esplorare nuovi campi e guadagnare dalle tue passioni. Tuttavia gli imprevisti possono capitare frequentemente, e per difendersi dai danni c’è bisogno spesso di una protezione aggiuntiva

Uno dei compiti del titolare di un’azienda o di un’attività, piccola o grande che sia, è mettere in condizione i propri clienti e i propri dipendenti di acquistare e lavorare in tutta sicurezza. A volte, però, seguire alla lettera leggi, normative e il proprio buonsenso potrebbe non bastare. Le fatalità sono all’ordine del giorno e ogni titolare dovrebbe proteggere sé stesso, i soci e i dipendenti da eventuali ritorsioni legali.

Ad oggi, come molti studi di settore hanno più volte evidenziato, sono poche le aziende che dispongono di liquidità sufficiente per far fronte alle spese necessarie in caso di ricorso alla giustizia. Si rischia spesso di non essere capace di far fronte agli impegni, con il paradosso di non poter intraprendere l’attività di lavoro anche in caso di vittoria legale.

Proprio per questa ragione, la polizza assicurazione impresa è uno dei prodotti più richiesti e venduti. Una buona polizza potrà aiutare la tua azienda a sostenere:

  • Consulenza legale, da parte di specialisti del settore che potranno impostare con successo una strategia difensiva
  • Consulenza di periti ed esperti, che al bisogno valuteranno le circostanze tecniche alla base dell’aggressione legale
  • Copertura totale delle spese legali e processuali
  • Consulenza di professionisti del settore (commercialisti, avvocati tributaristi) per questioni legate al fisco

Quali circostanze può coprire un’assicurazione legale?

Nessuna polizza è uguale ad un’altra. Specialmente nel mondo aziendale c’è la tendenza, da parte degli assicuratori, a personalizzare il prodotto che si offre al cliente, per motivi di opportunità, di rischio o di risparmio economico. Tuttavia le maggiori polizze ruotano attorno a punti fermi, ovvero tendono a proteggere il cliente da: 

  • Ambito penale (colposo e doloso)
  • Opposizione a sanzioni amministrative 
  • Tutela della privacy
  • Controversie contributive e previdenziali

In altre parole, stipulare una polizza completa, aiuta a dormire “sogni tranquilli” a piccoli imprenditori, i quali non hanno la forza economica di affidarsi a grandi studi legali. Una causa, infatti, può essere complessa ed articolata su più punti. Potrebbe quindi essere necessario ricorrere a più specialisti per organizzare una strategia difensiva globale: tutto ciò ha dei costi. Le stesse perdite non si avrebbero se, stipulando una polizza ad hoc, l’imprenditore può rateizzare il premio e“spalmarlo” su più mensilità, in modo da non far pesare un macigno sui bilanci aziendali. 

Coperto anche in caso di sconfitta legale

Come si diceva prima, un paradosso comune, visti i tempi della giustizia, è quello di dover chiudere l’attività in attesa del responso (positivo) della giustizia. Ma anche nel caso la causa legale dovesse essere persa, le assicurazioni di settore riescono a rimborsare anche le spese sostenute dalla controparte, senza creare ulteriori disagi all’imprenditore. In altre parole, il mondo assicurativo diventa sempre più centrale nel mondo del lavoro, riuscendo a tutelare – dietro il pagamento di piccole somme – proprietari, lavoratori e clienti.