Guide

Assicurazioni online, chiusi oltre 200 siti web pericolosi. Ecco come evitare di essere truffati

Per riuscire a risparmiare sulla polizza auto spesso ci si affida alle assicurazioni online, ma è bene prestare attenzione perché a vo9lte tra queste compagnie si nascondono delle vere e proprie truffe online che possono mettere seriamente a rischio gli utenti. Solo pochi giorni fa sono stati chiusi dal Nucleo Speciale Tutela Privacy e Frodi Tecnologiche della Guardia di Finanza ben 222 siti internet di assicurazioni online, che proponevano false polizze RCA per poi scomparire dopo il pagamento. Le vittime della truffa erano convinti di aver sottoscritto una copertura assicurativa vantaggiosa per i propri beni, ma in realtà non ne avevano alcuna realmente attiva. Oltre all’oscuramento dei portali web, questa importante operazione della Guardia di finanza ha consentito di identificare 74 persone coinvolte nel raggiro e di eseguire perquisizioni nei confronti dei soggetti ritenuti responsabili del reato di esercizio abusivo dell’attività di intermediazione assicurativa e truffa aggravata. Ecco quindi un utile guida per difendersi dalle truffe assicurative online, stilato da Facile.it, il noto portale di comparazione polizze.

La prima regola è quella di rivolgersi soltanto a siti web sicuri e magari anche conosciuti. Questi ultimi devono avere un indirizzo che inizi con “https” e non con “http”: il primo presuppone la crittografia e l’autenticazione dei dati trasmessi in modo da garantire l’identità delle parti e la necessaria riservatezza dei dati stessi. Se il miglior preventivo arriva da una compagnia sconosciuta o sospetta, è meglio accertarsi che la stessa sia inserita nell’elenco delle compagnie autorizzate ad operare in Italia. Una verifica che si può portare a termine tramite il sito dell’IVASS (https://www.ivass.it/consumatori/proteggi/index.html), l’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni.
Inoltre è necessario rimanere sempre sui canali di comunicazione ufficiali: se una compagnia richiede la trasmissione di dati solo tramite sistemi di messaggistica telefonica (come WhatsApp e simili) è bene diffidare subito. Un principio che vale anche per il pagamento della polizza: mai farsi convincere a saldare il premio richiesto utilizzando metodi di pagamento non tracciati. Come spiega Facile.it, “la ricarica di carte prepagate o servizi di trasferimento di denaro come Western Union o Money Gram non sono stati creati per questo e, non essendo tracciati, non garantiscono la sicurezza del pagante”. Si devono, quindi, adoperare solo strumenti che consentono di avere certezza della controparte e, anche, di poter eventualmente annullare il pagamento se necessario.
Infine, ad acquisto concluso la compagnia deve inviare i documenti: gli stessi vanno verificati affinché tutte le informazioni contenute nel contratto siano corrette, incluse quelle relative alla compagnia assicurativa. Inoltre, nel caso delle polizze RC auto per avere piena certezza della validità della copertura, basta collegarsi al portale dell’automobilista e inserite la targa del veicolo nella sezione Servizi Online (https://www.ilportaledellautomobilista.it/web/portale-automobilista/verifica-copertura-rc): se l’assicurazione è attiva, la polizza risulterà registrata. In caso contrario, meglio rivolgersi alla Polizia Postale e all’IVASS e denunciare la situazione.

Ti potrebbe interessare anche: Riltok, il potente malware che sfrutta le app banking per rubare soldi e svuotare il conto. Ecco come agisce e cosa fare per difendersi