People

Come Augias ha umiliato Salvini in diretta. La sua lezione: “Sono ammirato…”

Corrado Augias sale in cattedra e dà una bella lezione, in diretta, a Matteo Salvini che svicola da due domande di Bianca Berlinguer a Cartabianca iniziando i suoi infiniti elenchi. La lezione di Augias, inutile dirlo, è un bello sfottere: “Salvini dal vivo è impressionante. Sono ammirato dalla sua capacità di creare un frullatore in cui tutto si mescola. Dall’Ungheria ai cani per ciechi”. Cosa stava dicendo il leader della Lega? Bianca Berlinguer gli aveva chiesto cosa ne pensasse di Ungheria e Polonia, governati da “amici sovranisti” che hanno messo il veto sul Recovery Fund e che non rispettano diritti.

A quel punto, Salvini inizia a svicolare parlando della riforma dei decreti sicurezza in discussione alla Camera. Berlinguer gli ricorda che anche quando lui era al governo il primo decreto sicurezza era stato approvato a novembre 2018 mentre l’immigrazione non era un’urgenza, con poco più di 700 immigrati sbarcati contro gli oltre 5mila dell’anno precedente. Anche qui Salvini svicola abilmente parlando di banchi a rotelle e scuola, passando per i cani per ciechi perché le associazioni di volontariato devono essere soggetti IVA.

A quel punto arriva Augias e stoppa Salvini: “Vorrei riportarla alla domanda che le ha fatto Bianca Berlinguer. Lei ha detto ‘mi occupo dell’Italia’. Bene. Occuparsi della Polonia e dell’Ungheria oggi vuol dire occuparsi dell’Italia. Perché quel veto deve essere superato perché quei 200 miliardi possano arrivare. La signora Berlinguer ha detto che il veto di questi due paesi deriva dal fatto che loro non vogliono essere vincolati al rispetto dei diritti umani”.

Poi conclude Augias: “Le faccio presente che quando c’è stata l’adesione di questi due paesi, e di tutti gli altri all’Unione Europea una delle condizioni era proprio il rispetto dei diritti umani”.

Ti potrebbe interessare anche: Dramma a Lecce, un infermiere in quarantena si toglie la vita