Interni

Augurava a una giornalista di essere stuprata dai nigeriani: la Lega lo candida sindaco

Sulle pagine dei giornali Sergio Armanini, agente immobiliare di 50 anni, ci era finito non tanto per le sue idee politiche quanto per quel sinistro augurio rivolto a una giornalista, Silvia Fabbi del Corriere delle Alpi, alla quale senza troppi giri di parole aveva auspicato di essere violentata da dei nigeriani. Oggi la Lega, partito nel quale milita, ha deciso di candidarlo sindaco della città di Merano, in provincia di Bolzano. Una scelta che ovviamente ha fatto discutere parecchio.

L’episodio che aveva reso famoso Armanini risale al 2014. La giornalista Fabbi aveva intervistato un uomo di fede musulmana che aveva aperto la pagina Facebook Convertirsi all’Islam, attirandosi le ire del politico leghista che non aveva gradito quell’articolo benevolente verso un’altra religione. Al punto da commentare: “Ma perché non le mettiamo un burka e la facciamo andare in Nigeria? Forse dopo il centesimo stupro si sveglierà… “.
Parole che avevano ovviamente scatenato il finimondo, fino a costringere Armanini alla retromarcia. Oggi, la Lega di Salvini ha deciso evidentemente di perdonare quell’errore e candidare come aspirante primo cittadino il cinquantenne: una decisione che è stata presa dai vertici locali del partito alla presenza del commissario dell’Alto Adige, Maurizio Bosatra, e del vice di Salvini, Andrea Crippa.Sergio Armanini, fedelissimo del “Capitano” Salvini, all’indomani della caduta del governo gialloverde aveva avuto anche modo di dimostrare la sua sensibilità rispetto al tema delle migrazione e dei naufragi: “Comunque salgono tutti sul barcone e, sfiga delle sfighe, alcuni di loro, dopo aver scampato la guerra, attraversato il deserto, subito anni di torture nei lager libici, affogano in mare a cento metri dalla Libia. Che sfiga. Ecco che però arrivano in Italia, dove ci sono i razzisti e i fascisti che non li vogliono mantenere, ma per fortuna una luce in fondo al tunnel: arriva quello intelligente del Pd che li guarda negli occhi e coglie le loro sofferenze. La storia ha un lieto fine. Ma davvero siete convinti di poter prendere tutti gli italiani per il culo?”.

“Il virus si sta trasformando” l’audio fake della senatrice renziana per creare il panico