Interni

Autostrade, Atlantia a Conte: “La revoca sarebbe una catastrofe per tutti”

Se Autostrade per l’Italia ha una proposta da fare al governo, farebbe bene a metterla sul piatto il prima possibile. A dirlo è stato il premier Conte, ancora deciso a cercare una mediazione con la società del gruppo Benetton che permetta di evitare lo strappo, quella revoca delle concessioni che invece col passare dei mesi è diventata bandiera del Movimento Cinque Stelle, che ha iniziato a sventolarla fin dalle ore successive alla tragedia del Ponte Morandi del 2018. 

Carlo Bertazzo, amministratore delegato di Atlantia, società controllante di Autostrade, ha recepito i suggerimenti del premier, rispondendogli a di stanza nel corso di un’intervista rilasciata al Corriere della Sera: “Serve un’intesa su Autostrade con più investimenti e regole inflessibili. La revoca della concessione sarebbe una catastrofe per tutti”. Il manager ha poi ribadito l’impegno di Autostrade ad aumentare gli investimenti previsti al 2038 (anno di fine della concessione) del 40%, passando così a 14,5 miliardi di euro.
La spesa per manutenzione della rete, stando agli impegni della società, dovrebbe passareda oltre 200 a 370 milioni di euro l’anno, per un totale di 7 miliardi. L’azienda si è inoltre disponibile a “ridefinire condizioni chiare anche sulla revoca. Siamo disposti anche a una riscrittura condivisa dell’articolo 9 della convenzione del 2007 in linea con altre grandi società concessionarie come Terna per la rete elettrica”. 
″È inutile negare che sono stati commessi errori e Aspi sta pienamente collaborando con la Procura di Genova affinché ogni responsabilità venga individuata. Oggi abbiamo la piena consapevolezza che la rete autostradale ha bisogno di molti più investimenti e di molta più manutenzione. Per questo a gennaio Aspi ha presentato un nuovo piano industriale con un forte incremento degli investimenti, per il rinnovamento sia e le manutenzioni. Vogliamo ricostruire un rapporto di fiducia con le Istituzioni e i cittadini: abbiamo il dovere di garantire autostrade sicure”.

Rotondi rilancia i democristiani: “Vedrei bene Conte alla guida della nuova Dc”