ballu il robot

BALLU, il pallone robot che si tiene in equilibrio

490

Recentemente si è svolta, a Cancun – Messico, la 2016 IEEE International Conference on Humanoid Robots. Come è facile intuire la conferenza è incentrata su nuovi modelli di robot umanoidi, particolarmente interessante il robot BALLU.

BALLU, il robot che sta in equilibrio sfidando la gravità

BALLU, acronimo di Buoyancy Assisted Lightweight Legged Unit, è stato ideato dal Dr. Dennis Hong, membro del Robotics & Mechanisms Laboratory – RoMeLa – dell’UCLA.

Uno dei problemi principali della robotica umanoide è quello di progettare robot in grado di imitare la postura e la camminata delle persone, riuscendo a mantenere l’equilibrio nei differenti ambienti.

Lo scopo principale di BALLU è quello di riuscire a stare sempre in equilibrio, sfruttando una metodologia nuova e alquanto particolare. Questo nuovo robot è formato da:

  • un pallone pieno d’elio che rappresenta la parte superiore del robot;
  • un paio di gambe robotiche molto sottili e leggere.

Nel video seguente è possibile vedere all’opera BALLU, il robot:

In pratica BALLU cerca di contrastare la gravità sfruttando le proprietà dell’elio all’interno del pallone; infatti, risultando più leggero dell’aria, tende a salire. Tutta la struttura è stata pensata in modo che la parte superiore non si stacchi dal suolo e rimanga, quindi, appoggiata sulle due gambe robotiche.

Grazie a questa nuova metodologia, BALLU riesce a stare in piedi praticamente galleggiando nell’aria; oltretutto, riesce, tramite le gambe robotiche, a muoversi in superfici piane, a salire le scale e a superare diversi ostacoli. Osservandolo all’opera si può notare che ha un comportamento molto simile a quello degli astronauti in ambienti a gravità ridotta.

Un grosso problema che affligge questo tipo di modello è che non può essere utilizzato in contesti in cui è presente una notevole quantità di vento. Nel caso in cui  soffi un forte vento, BALLU viene praticamente trasportato via senza possibilità di controllo.

L’idea è davvero interessante, anche se questo tipo di struttura non permette di realizzare robot in grado di spostare o alzare oggetti molto pesanti. Il prossimo passo del team di ricerca è quello di realizzare un altro prototipo con le stesse metodologie ma con 4 gambe. Lo scopo principale è quello di proporre un robot finale in grado di agire in situazioni d’emergenza, magari difficilmente affrontabili dall’uomo.

CONDIVIDI
Marco Brachetti
Classe 1983, laureato in economia, ha iniziato il suo percorso giornalistico fin dall’adolescenza. Con una spiccata passione per la tecnologia e l’innovazione, ha collaborato con diverse riviste di settore. Adora i viaggi e le barche.