Video

I bambini giocano sulle altalene rosa e abbattono il muro tra Messico e Stati Uniti

Le immagini stanno facendo il giro del mondo, e il video di questo “gioco” è già virale sui social. Due professori della California hanno creato una serie di altalene a cavallo al confine tra Stati Uniti e Messico per consentire ai bambini di giocare insieme. Anche se di fatto sono barbaramente divisi da una barriera di separazione, i piccoli possono divertirsi con l’altalena “saliscendi”, segno di protesta pacifica contro ogni divisione.

“Così bambini e adulti sono connessi al di là delle barriere tra i due Stati. Per riconoscere come ciò che avviene da una parte del muro abbia effetto sull’altro lato”, spiegano l’architetto Ronald Rael e l’esperta di design Virginia San Fratello, creatori del progetto.

L’installazione artistica è stata chiamata “Virgole rosa”, le altalene sono state pensate proprio per unire i due Stati, superando con il gioco la divisione del confine. “Ciò che avviene da un lato del muro ha effetti sull’altra parte“, sostengono gli ideatori delle altalene rosa. Il muro che separa il Messico dagli Stati Uniti funge infatti da “baricentro”, permettendo quindi agli abitanti statunitensi e messicani di interagire tra di loro nonostante la barriera.

“È stata una delle esperienze più incredibili della nostra vita”, ha dichiarato su Instagram Ronald Rael, pubblicando alcuni video e fotografie.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

One of the most incredible experiences of my and @vasfsf’s career bringing to life the conceptual drawings of the Teetertotter Wall from 2009 in an event filled with joy, excitement, and togetherness at the borderwall. The wall became a literal fulcrum for U.S. – Mexico relations and children and adults were connected in meaningful ways on both sides with the recognition that the actions that take place on one side have a direct consequence on the other side. Amazing thanks to everyone who made this event possible like Omar Rios @colectivo.chopeke for collaborating with us, the guys at Taller Herrería in #CiudadJuarez for their fine craftsmanship, @anateresafernandez for encouragement and support, and everyone who showed up on both sides including the beautiful families from Colonia Anapra, and @kerrydoyle2010, @kateggreen , @ersela_kripa , @stphn_mllr , @wakawaffles, Chris Gauthier and many others (you know who you are). #raelsanfratello #borderwallasarchitecture

Un post condiviso da Ronald Rael (@rrael) in data:

“Il muro è diventato letteralmente un fulcro per le relazioni Usa-Messico, e bambini e adulti hanno potuto connettersi in maniera significativa, riconoscendo come ciò che avviene da un lato della barriera possa avere una diretta conseguenza anche dall’altra parte”, conclude.

Intanto, la battaglia di Trump per costruire un muro alla frontiera con il Messico, da sempre contrastata dai democratici, ha trovato una sponda nella Corte Suprema. Con cinque voti a favore e quattro contrari, il più alto tribunale americano ha stabilito che il presidente può dirottare fondi del Pentagono per due miliardi e mezzo di dollari per la costruzione dei 160,9 chilometri di barriera di sicurezza lungo il confine meridionale. Però noi, per quello che può valere, siamo dalla parte dei bimbi e delle “virgole rosa”.

 

Ti potrebbe interessare anche: Salvini come Trump: “Un muro anti-immigrati tra Italia e Slovenia”