Interni

Berlusconi fugge a Nizza, nella villa della figlia, per proteggersi dal coronavirus

Una paura diffusa in ogni settore della società, quella del possibile contagio da coronavirus. Che non ha risparmiato, come visto nei giorni scorsi, anche il mondo della politica: tra i casi, il più clamoroso è stato quello del leader del Partito Democratico Nicola Zingaretti, che con un video ha annunciato la propria positività dopo aver effettuato un tampone. I timori hanno così spinto tutti i suoi colleghi a prendere precauzioni ferree e magari allontanarsi per un po’ dai riflettori.

Un passo indietro lo ha fatto in questi giorni Silvio Berlusconi, che ha lasciato Milano per trascorrere i giorni di massima emergenza per il coronavirus nei dintorni di Nizza, nella residenza della figlia Marina a ​​​​​ Châteauneuf-de-Grasse, Valbonne, 35 chilometri da Nizza. L’ennesimo spostamento, per provare a vivere con maggiore serenità un momento particolarmente delicato. I medici, stando a chi è vicino al Cavaliere, avrebbero infatti prescritto all’ex premier di “stare in sicurezza anti-contagio”, come ha raccontato nei giorni scorsi Antonio Tajani, vice presidente del partito.
Con Berlusconi c’è anche Marta Fascina, deputata trentenne nata a Melito Porto Salvo (Reggio Calabria) e residente a Portici, nel napoletano, che da qualche tempo gli è molto vicina. I giornali ne parlando già come della nuova first lady di casa Berlusconi, dopo che Silvio si è allontanato dalla sua precedente fidanzata, Francesca Pascale, che aveva riservato parole non troppo al miele al suo ormai ex compagno.Berlusconi, d’altronde, ha un’età che lo inserisce nella fascia di popolazione particolarmente a rischio sopravvivenza in caso di contagio e già da tempo aveva mostrato problemi di salute che lo avevano portato a diversi ricoveri in ospedale, preoccupando non poco i figli che avevano consigliato un allontanamento dalla scena pubblica.

Coronavirus, l’Oms dichiara ufficialmente la pandemia