Interni

Berlusconi non ci sta: “Gli italiani sono stati ingrati con me”

Torna a parlare di sé stesso, Silvio Berlusconi, più in crisi che mai stando ai sondaggi e agli occhi di molti elettori ormai completamente rassegnato a un ruolo di totale subalternità a Matteo Salvini. L’occasione per rimettersi sotto gli occhi dei riflettori è stata la presentazione del libro di Bruno Vespa, durante la quale il leader di Forza Italia ha analizzato il suo rapporto con gli elettori non nascondendo una punta di amarezza per le sue recenti sfortune politiche: “Credo che nei miei confronti gli italiani siano stati un po’ ingrati, però confido nella loro capacità di cambiamento”.

Berlusconi ha poi aggiunto: “Spero che anche gli italiani un po’ troppo di destra o di sinistra possano diventare democratici e occidentali”. Poi, l’ex premier si è concentrato sulla figura dell’ingombrante alleato, quel Matteo Salvini che secondo molti analisti gli starebbe facendo (con successo) le scarpe: “Ha sbagliato a pronunciare quella frase sui pieni poteri, ma forse voleva dire solo che si poteva intervenire sulla situazione italiana. Quella frase non trova nella realtà umana di Salvini alcuna conferma. Forse quella frase è un po’ colpa mia, gli avevo spiegato che quando sei al potere ci sono ostacoli che non ti permettono di realizzare il tuo programma, non avendo il 51% puoi avere alleati non sempre leali, il premier, poi, non può cambiare i ministri, ad esempio”.
Parlando ancora del leader della Lega, il leader azzurro ha poi affrontato il tema della legge elettorale: “Con Salvini abbiamo toccato solo di sfuggita questo tema, non mi sembra abbia idee precise e non mi sembra abbia approfondito questo tema. Un governo con Mario Draghi premier? Nella prospettiva di arrivare a elezioni, accetterei l’ipotesi di un governo tecnico con Draghi, che potrebbe essere premier capace di far fronte alle emergenze del paese”.Altro tema prioritario in questi giorni è stato quello delle elezioni regionali, con la candidatura alla presidenza della Regione Calabria ancora da definire. Forza Italia ha fatto il suo nome, quello di Jole Santelli, ma ancora non è stato chiuso l’accordo nella coalizione: “Per le elezioni regionali del 2020 aspettiamo di presentare tutti i candidati, anche quelli degli alleati che sosteremmo lealmente. Noi abbiamo ripiegato su un’ottima candidata che è Jole Santelli, ma aspettiamo il via libera definitivo da parte dei nostri alleati”.

‘Ndrangheta, arrestato a Torino anche un assessore di Fratelli d’Italia