Lavoro

Bersani “torna a casa” e ribadisce la sua linea: subito accordo coi Cinque Stelle

Bersani detta la linea: “A sinistra bisogna mettersi d’accordo: l’avversario è questa destra, e per creare l’alternativa bisogna discutere anche con il M5S. Per me serve un nuovo soggetto di sinistra che superi le attuali sigle, compreso il Pd. Ma mi accontento anche di una coalizione”. Bersani, a differenza di Zingaretti, non è favorevole a elezioni immediate se cade il governo: “Rischiano di ingessare ancora di più la situazione, prima di votare serve un chiarimento nei 5 stelle, si deve mettere in moto almeno un’ipotesi di alternativa”.

Nonostante tutto, non molla l’osso a 5 stelle: “Dicono anche cose demenziali, stanno tradendo quella giusta spinta di cambiamento e anti-establishment delle origini. Ma sono come Zelig, assomigliano a quelli a cui stanno vicino, noi dobbiamo fargli prendere la piega giusta”.

E comunque “dobbiamo far scattare una riflessione tra i loro elettori. Perché in moltissimi ballottaggi, a partire dall’Emilia- Romagna, la sfida sarà tra noi e la destra. E quei voti sono indispensabili per vincere…”. L’ex leader Pd rilancia l’idea di una patrimoniale, “un’imposta personale e progressiva sui beni mobili e immobili. Di patrimoniali ce ne sono già, è inutile far finta di no. I soldi che mancano vanno presi a chi si è arricchito in questi anni. E io credo che i super ricchi una quota la darebbero anche volentieri, pur di evitare che l’ Europa vada a gambe all’aria…”.

“Io non voto Pd, ma la lista unitaria dei socialisti europei. Ecco, il logo del Pse avrebbe dovuto essere molto più grande di quel quadratino rosso. Salvini non sta mai al Viminale, è il ministro degli ‘Esterni’. I fascisti li ha raccattati tutti, mancano solo un paio di SS, ora ce l’ha con i preti, manca solo che si metta la felpa del Sant’Uffizio e lanci le scomuniche”. Farà la fine dell’altro Matteo? “Il blairismo di Renzi era fuori tempo, purtroppo la destra di Salvini è nel suo tempo: temo che se fallirà ne arriverà uno ancora peggiore”.

L’ex segretario è arrivato a Cesena per sostenere la sua candidata Cecilia Guerra, candidata al parlamento europeo nel nord-est, e per dare una mano a un giovane amico, il candidato sindaco del Pd Enzo Lattuca, uno dei Bersy boys della scorsa legislatura. Il ragazzo non l’ha seguito nella scissione, ma lui non l’ha presa male: si abbracciano sul palco.

“Conte è un bravo sottosegretario alla presidenza: prepara i dossier, media tra le parti. In questo anno si è fatto le ossa, per me ha un futuro…”. Sarà crisi dopo le europee? “Il governo è un autobus con due volanti e due piloti, finché la strada è dritta va avanti, alla prima curva finisce fuori strada. Ma faranno di tutto per restare: Di Maio è attaccato alla sedia come una cozza, Salvini ha paura di tornare con Berlusconi”.

 

Ti potrebbe interessare anche: Salvini ha deciso: se supera il 30% alle Europee il governo cadrà. 5Stelle nel caos