Mass Media

“Lei non è in grado di informare”. Bersani non si tiene più e sbotta contro Belpietro

Ed è subito Bersani show. Il teatro è quello di Cartabianca, su Rai 3. L’antagonista è Maurizio Belpietro. In mezzo l’arbitro, Bianca Berlinguer. Tutto è partito quando Belpietro ha polemizzato sul fatto che agli italiani sia stato vietato di spostarsi tra le regioni nel periodo di Pasqua mentre è consentito viaggiare all’estero. Il direttore de La Verità – come ricostruito da nextquotidiano.it – ha accusato Speranza di pressapochismo per aver poi firmato l’ordinanza che impone la quarantena di 5 giorni a chi torna da un altro paese UE. Bersani allora ha iniziato a mettere in chiaro alcune cose, smontando di fatto il giornalista. (Continua a leggere dopo la foto)

Bersani ha ricordato che c’è una reciprocità speculare in tutta l’Europa che permette a un cittadino tedesco ad esempio di andare a Portofino ma di non potersi spostare a suo piacimento in Germania, così come accade anche ai francesi. Poi ha difeso Speranza con una frase tanto semplice quanto efficace che inquadra perfettamente come i populisti trattano il tema del Covid: “Se la prendono con Speranza? Rompiamo il termometro così non abbiamo più la febbre. È una persona seria e competente”. Ha poi continuato: “In piena pandemia, con 529 morti anche oggi suggerirei di trattenersi perché non abbiamo bisogno di smontare quello che sta funzionando meglio di altri paesi”. (Continua a leggere dopo la foto)

Belpietro però ha continuato ad attaccare Speranza per il lockdown, per il libro sulla pandemia. E a un certo punto ha detto: “La informo…”, e lì Bersani noi ci ha visto più e è sbottato: “Non mi informi, non è in grado di informarmi, sono io che informo lei”. Poi, dopo aver ricordato che a suo avviso il governo Draghi non rappresenta il paradiso ma il purgatorio, si è rammaricato per il fatto che neanche in un momento così drammatico come quello che l’Italia sta attraversando da quando è iniziata la pandemia il paese non non resti unito. (Continua a leggere dopo la foto)

Ha infatti chiosato Bersani: “Ne verremo fuori, ma non ci sono né derelitti incapaci né mago Merlino. C’è gente mediamente seria a governare il Paese. Io non rimpiango Conte, ma il fatto che non siamo un Paese unito. Chi in Europa ha cambiato governo in questa fase? Solo noi!”.

Ti potrebbe interessare anche: Salvini rimette i panni del sovranista e corre da Orban: vertice per il nuovo gruppo europeo