Lavoro

Biglietti in prima classe e 10mila euro: il regalo lussuoso da un’azienda ai suoi dipendenti

Lavorare sodo ricompensa sempre, ma in alcune aziende ricompresa ancor di più. E’ il caso della Spanx, società valutata 1,2 miliardi di dollari, che ha deciso di regalare una vacanza da sogni ai suoi dipendenti per ringraziali del lavoro svolto fin ora. Il premio consiste in due biglietti in prima classe per qualunque meta nel mondo e 10.000 dollari per tutti i dipendenti dell’azienda. Un regalo inaspettato che i lavoratori hanno ricevuto dalla CEO della Spanx Sara Blakely. “Essere qui oggi e pensare a ciò che siamo stati in grado di fare è motivo di grande orgoglio – ha spiegato Blakely sui social -. Abbiamo reso la lingerie modellante femminile qualcosa di spendibile nell’ambito del business. Questo è un punto di partenza per le imprenditrici”.

Blakely ha fondato Spanx nel 2000 con 5.000 dollari di risparmi. Da questa cifra si è prefissata come obiettivo il raggiungimento di un valore di 20 milioni per la sua azienda. Nel 2021 la Spanx vale invece 1,2 miliardi. “Anche se il 50% degli imprenditori sono donne, soltanto il 2,3% dei finanziamenti sono destinati alle giovani imprenditrici nel 2020 – ha detto ancora Blakely -. Questo è un momento importante secondo me e voglio dedicarlo a tutte le donne che sono venute prima di me. Prima ancora, vorrei rivolgere un pensiero a tutte quelle che avrebbero sognato le stesse cose ma che non hanno avuto quest’opportunità”.

Per ringraziare i lavoratori che dal 2000 sono al fianco dell’azienda, ha deciso di pensare in grande e dare loro in regalo un viaggio di lusso per due. La destinazione potrà essere scelta dal dipendente. “Se viaggi con qualcuno e ti concedi una vacanza, probabilmente vorrai andare in un bell’albergo o vorrai andare a cena in posti eleganti mai visti prima – ha continuato Blakely – per questo motivo abbiamo deciso di concedere 10.000 dollari a tutti i dipendenti, affinché possano godersi il meritato premio senza pensare a niente”.

Ti potrebbe interessare anche: L’internazionalizzazione delle PMI