Interni

Claudio Bisio in piazza contro il razzismo: “Questa è l’Italia che mi piace”

Una manifestazione che ha visto una grande partecipazione popolare, con tanti cittadini scesi in piazza e molti personaggi vip per dire no a razzismo e intolleranze. Un lungo corto durante il quale le autorità si sono tenute in disparte per lasciare spazio alla spontaneità del movimento, segnato da cori, slogan e striscioni. 200 tra enti e associazioni presenti con gli striscioni, ai rappresentanti di oltre 700 Comuni. Riace compresa. Spazio, tra le tante realtà, alle “Mamme per la pelle” arrivate con i figli e con lo striscione “Il mondo che vogliamo è una storia a colori”.

Poi ecco la ricostruzione di una nave lunga circa nove metri “ecologica e solidale”, di Saving Humans, con la scritta “Zero sbarchi, 6 morti al giorno: nel Mediterraneo annega l’Europa”. E il carro dei “Sentinelli” di Milano, una delle sei sigle che, lo scorso autunno, ha lanciato l’idea di questo corteo con Insieme Senza Muri, Anpi, Acli, Mamme per la pelle e Action Aid. Hanno sfilato i vertici Emergency, Amnesty International, Medici senza frontiere. E le delegazioni di alcune associazioni impegnate nel soccorso nel Mediterraneo (Sea Watch, Open Arms).
Non sono mancate le star, come detto. Ornella Vanoni, Maria Amelia Monti, Malika Ayane, Giobbe Covatta, Roberto Vecchioni, Gino Strada. E Claudio Bisio, tra i protagonisti assoluti dell’ultima edizione del Festival di Sanremo, che ha voluto sottolineare l’importanza dell’evento: “Questa è una manifestazione bellissima, serena, pacifica, incasinata, si cammina, ci si ferma. È un bel messaggio per tutti”.

“Ho sempre detto quello che penso e continuerò a farlo, per questo sono qui: questa è l’Italia che mi piace” ha poi aggiunto il comico e conduttore. Dicendosi “orgoglioso di Milano” e ammettendo che “sì, c’è un po’ di diffidenza. Ma siamo qui per dimostrare che non c’è da aver paura di nessuno. E sono fiero dei due sindaci, Giuliano Pisapia prima e Beppe Sala adesso”.

Sanremo, ora parla il direttore della Rai: “Il popolo deve decidere”. Poi l’attacco a Bisio…