Esteri

Borghezio: “Savoini è un vero soldato della Lega. Salvini lo scarica? Fa parte del gioco”

Mario Borghezio in un’intervista al Corriere della Sera interviene sul caso Savoini-Salvini-Russia. Per lui Savoini “è un soldato della Lega, delle nostre idee” e prosegue: “Certo che conosco il Savoini, è un mio vecchio amico. Resterò sempre suo amico perché abbiamo la stessa ossatura dottrinale. Persone che, anche quando ci sono le turbolenze, restano ferme come torri. Ma lo sa che quasi sono contento? Per diventare un soldato politico non è male aver affrontato qualche prova dura”.

“Savoini è presidente dell’associazione Lombardia-Russia non a caso, non è che si occupa della Cambogia. È normale che fosse agli incontri e forse era più interesse della parte russa, che si deve premunire dai mestatori e faccendieri che cercano di infilarsi ovunque”.

Per l’ex parlamentare, Savoini “si era guadagnato la stima della Russia. Lo consideravano un amico, interlocutore affidabile. Ma la prova assoluta che tutto fosse alla luce del sole è che in questa stagione le casse della Lega sono vuote”. A chi gli domanda perché Salvini abbia smentito legami con Savoini, Borghezio si limita a rispondere: “Ma si può capire – aggiunge – una certa prudenza davanti a un’inchiesta che sembra una spy story. Della questione affari nulla so e nulla voglio sapere”.

“Ma la linea ufficiale della Lega, ‘non sappiamo nulla’, è comprensibile. Prudenza doverosa da parte di chi ha responsabilità nel governo, visto il tentativo pesante di montatura indirizzata a colpire Salvini attraverso una persona facilmente identificabile come a lui vicina. Questa vicenda ha caratteri talmente oscuri che, prima di denigrare un militante leghista e credo anche tesserato, privo di cariche che possano incidere sul governo, ce ne passa”.

Borghezio ha proseguito sostenendo: “Savoini è onesto, ha la schiena dritta e non ha nulla da temere, ma conoscendo i giudici di Milano gli ho consigliato di trovarsi il migliore avvocato, perché la questione è grossa. Tiene botta, non è piagnucoloso. Quando sei nel gioco politico devi dare per scontato che un vicepremier debba difendere una certa posizione e sacrificare i valori dell’amicizia“.

E sull’audio: “Da civilista avanzo riserve sulla sua attendibilità. È semplice manipolare conversazioni”. L’ex parlamentare ha proseguito affermando che “se anche Savoini ha assistito a una trattativa di questo genere sono certo che non ha chiesto neanche un caffè. Fosse un intrallazzatore, non sarebbe mio amico. È molto competente in geopolitica, il primo a capire l’importanza di aprire alla visione euroasiatica”.

Qui l’intervista completa.

 

Ti potrebbe interessare anche: Salvini, Savoini e l’avvocato: il Russiagate si arricchisce di nuovi dettagli