Esteri

Brexit, la Corte Suprema gela Johnson. La sentenza è storica: “Stop Parlamento è illegale”

La Corte Suprema britannica all’unanimità ha giudicato illegale la controversa sospensione del Parlamento decisa dal premier Boris Johnson lo scorso agosto. “Gli effetti sulla nostra democrazia sono stati estremi”. Una decisione storica contro un provvedimento che aveva scatenato immediatamente proteste perché considerata dalle opposizioni un bavaglio per coloro che volevano fermare il No Deal, cioè la Brexit durissima e senza accordo con l’Ue.

La Corte ha aggiunto che il Parlamento è da considerarsi aperto e così lo speaker della Camera dei Comuni John Bercow ha immediatamente riconvocato tutti i deputati per domani: cosa non semplice perché, per esempio, tutti i laburisti sono a Brighton per la convention di partito che terminerà domani. Bercow ha precisato che si tratta di una “ripresa” dei lavori e non di una “riconvocazione”.

Dunque la cosiddetta “prorogation” del Parlamento si è rivelata un clamoroso boomerang per il premier: non solo le opposizioni sono riuscite comunque ad approvare una legge anti No Deal in tempi strettissimi, ma soprattutto traballa la posizione di Johnson, che sino a ieri ha detto di non volersi assolutamente dimettere ma che, a questo punto dopo la sentenza di oggi, in teoria avrebbe ingannato persino la Regina a controfirmare la sospensione.

Come temuto, tirando la sovrana nella vicenda della Brexit, ora è stata esposta a una immane figuraccia, a 93 anni, avendo approvato un provvedimento “illegale”. Il leader laburista Jeremy Corbyn intanto ha chiesto le dimissioni di Johnson, che si trova a New York per l’assemblea generale dell’Onu. Difficilmente mollerà la presa, ma certo questo è un colpo durissimo.

economia-brexit

Il premier non rischia l’arresto come invece capiterebbe se ignorasse la legge anti No Deal delle opposizioni (non ha escluso nemmeno questo), ma certo ora a questo punto potrebbe anche decidere di andare a elezioni anticipate dopo la decisione della Corte Suprema in difesa della democrazia britannica. Del resto, sinora la sua premiership è stato un disastro: sei voti su sei persi in Parlamento, la Regina fuorviata e oggi la sospensione dichiarata illegale.

Il premier intanto dopo la decisione della Corte Suprema ha deciso di anticipare il rientro da New York e Downing Street ha fatto sapere che non si dimetterà. “Come dice attualmente la legge, il Regno Unito lascerà la Ue il 31 ottobre, qualsiasi cosa accada” ha commentato il primo ministro britannico dagli Stati Uniti.

 

Ti potrebbe interessare anche: Ultimatum dell’Ue a Johnson: “Sulla Brexit decida entro 12 giorni”