Esteri

Bryson a 8 anni vende la sua collezione di carte per curare il cane

Amare così tanto qualcuno fino al punto di essere disposti a dare via l’oggetto che ci è più caro pur di salvargli la vita. Questa grande lezione di vita il piccolo Bryson Kliemann l’ha già imparata. A soli 8 anni ha deciso di vendere la sua collezione di carte Pokemon, la cosa a cui teneva di più, per curare il suo cane. La storia è accaduta negli Stati Uniti. L’animale, di nome Bruce, aveva contratto una pesante parvovirosi, infezione virale molto contagiosa che, nelle forme più gravi, può anche portare in breve tempo alla morte. In una sola notte l’animale aveva perso oltre due chili, e necessitava di cure urgenti. La famiglia di Bryson però non poteva permettersi di curarlo, per via della situazione finanziaria poco agiata. I genitori avrebbero potuto sostenere il costo di soli tre giorni di permanenza dell’animale dal veterinario. Il piccolo Bryson non si è scoraggiato, e ha deciso così di cercare lui stesso una soluzione anche a costo di dare via tutto quel che aveva.

Da qui l’idea: allestire un banchetto in giardino dove ha messo in vendita le sue carte da gioco. “So che piacciono a tutti – ha successivamente raccontato all’emittente locale Wcyb -, per cui ho scelto di venderle”. Un gesto subito apprezzato da molti passanti, che ha fatto venire l’ispirazione alla madre del bambino di far conoscere a più persone possibili la loro storia. Così la donna ha deciso di pubblicare una foto di suo figlio sul suo profilo Facebook, a corredo di una raccolta fondi aperta su GoFundMe. Davanti al tenerissimo gesto di Bryson, sono stati in tantissimi gli utenti social che hanno dimostrato tutta la loro solidarietà. Così l’obiettivo iniziale di 800 dollari necessari per le cure del cane, è stato ampiamente superato arrivando a circa 5.905 dollari.

“Irlanda, Inghilterra, Polonia, Australia: è folle – ha commentato la madre di Bryson su Wcyb –. Non potrei mai ringraziare abbastanza le persone per aver dimostrato così tanto amore nei confronti di mio figlio”. Alla fine il cane Bruce ha dunque potuto ricevere tutte le cure per poi tornare a casa da Bryson. Tutti i fondi in eccesso raccolti dal piccolo sono poi stati devoluti a favore di tutti gli altri animali del quartiere. E il piccolo Bryson, come lieto fine della vicenda, ha anche ricevuto una sorpresa.

Lo staff del quartier generale dei Pokemon, nello stato di Washington, ha infatti saputo del bel gesto di Bryson, e ha deciso di inviare al bambino alcune carte molto rare come regalo. Nella lettera spedita a Bryson lo staff dei Pokémon ha scritto: “Ehi Bryson, siamo stati così ispirati dalla tua storia sulla vendita delle tue carte per il recupero del tuo cane, queste sono alcune carte per aiutarti a sostituire quelle che dovevi vendere”.

Ti potrebbe interessare anche: La storia di Regina, accompagnata all’altare dal poliziotto che la salvò 23 anni prima