Social

Bufera sullo spin doctor della Meloni dopo un post sugli assorbenti

Lui si chiama Tommaso Longobardi ed è il curatore della comunicazione social della leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. Longobardi nelle ultime ore è salito alla ribalta delle cronache per un discutibile post pubblicato sul suo blog personale. Pagina che ora su Facebook risulta attualmente non raggiungibile. La sua gaffe sugli assorbenti per le donne, paragonati in pratica alla carta igienica, provoca infatti una lunga serie di reazioni negative. Tanto da costringerlo non solo a cancellare il post, ma tutta la pagina. Si sospetta anche un intervento diretto della Meloni nei suoi confronti.

Bufera social sullo spin doctor della Meloni

Ma cosa ha scritto di tanto grave Tommaso Longobardi da provocare una tempesta social e la successiva sparizione del suo blog? “‘Avere il ciclo non è una scelta, vogliamo gli assorbenti gratis’, tuonano così le femministe. Anche andare di corpo in bagno non è una scelta. Eppure nessuno si è mai sognato di chiedere la carta igienica gratuita”. Queste le parole postate dal guru social della Meloni sul suo blog ‘Politicamente cornetto’ a commento di una vicenda in realtà leggermente diversa.

Il suo riferimento è infatti alla richiesta avanzata da alcune donne, non allo scopo di ottenere gli assorbenti gratuiti, ma di strappare una tassazione più equa. Si parla dell’iva al 4% invece che all’attuale 22%. ‘Sconto’ dell’iva previsto per i beni di prima necessità.

Ma evidentemente Tommaso Longobardi non coglie questa distinzione tra sconto dell’iva e gratuità dei tamponi. Il risultato è che è lui stesso a rispondersi da solo alla sua domanda. “A quando la carta igienica gratis?”, ironizza infatti in un successivo post. La goccia, quest’ultima, che fa traboccare evidentemente il vaso. Tempo poche ore, e non solo i due post incriminati di Longobardi scompaiono dal web. Ma l’intera pagina ‘Politicamente cornetto’ risulta non raggiungibile. Ci avrà messo lo zampino la Meloni?

Potrebbe interessarti anche: Tutti i guai di Salvini: da Meloni a Giorgetti, il leader della Lega è circondato da insidie