Interni

“Buffone”, “sei finito”: i social in rivolta contro “Capitan Coniglio” Salvini

Una vera e propria rivolta social, quella scattata contro Matteo Salvini. L’uomo che un tempo era il re indiscusso dell’etere italiano e che ora sembra invece caduto rovinosamente in disgrazia, deriso dagli utenti e ricoperto di insulti, virtuali ma non per questo meno umilianti. Il discorso di Conte alla nazione, durante il quale il premier ha messo a nudo le bugie raccontate dal leader della Lega, ha tracciato un confine: ora, incredibilmente, il Capitano sembra trovarsi in minoranza anche su Facebook e Twitter, quelli che un tempo erano i suoi terreni di caccia per il consenso popolare.

In migliaia, infatti, hanno scritto in queste ore per coprirlo di insulti. Un’insurrezione portata avanti a colpi di “buffone”, “falso”, “sei finito”. A scrivere sono i detrattori di sempre, quelli che non hanno mai tollerato il leader della Lega. Ma anche utenti che ammettono di aver avuto un’iniziale folgorazione per Salvini e di essere ora “amaramente pentiti”: “Ci hai tradito, hai gettato al vento tutto per continuare ad alimentare il tuo ego smisurato”.
A Salvini viene rimproverato di tutto, a partire da quello strappo che la scorsa estate segnò la fine dell’esperienza di governo gialloverde e che a molti non è andato giù. E poi le brutte figure di “Capitan Coniglio” nei confronti con il premier Conte, che lo ha puntualmente umiliato inchiodandolo alla sua irresponsabilità politica. “Non sai rinunciare al tuo ruolo di prima donna. A costo di renderti ridicolo. E meno male che dicevi di mettere gli italiani al primo posto”. Migliaia i commenti indignati, insomma, che hanno superato di gran lunga quelli dei sostenitori irriducibili, ora impegnati a denunciare il complotto Pd-M5S contro il leader padano nell’ultimo post di Salvini. La Bestia, la macchina da guerra social che racimolava consenso per il suo Capitano, sembra ora un animaletto impaurito. E il futuro politico del leader del Carroccio pare oggi meno roseo che mai.

Salvini telefona a Mattarella, la Meloni si indigna. Ma Conte ha davvero sbagliato?