Interni

Capri, 78 euro per una colazione in 6: stavolta i social si dividono

Nuova rovente polemica sui prezzi di colazioni, pranzi e cene in alberghi e ristoranti. Stavolta la baruffa social parte da Capri, la splendida isola campana. Un utente condivide su TikTok la fotografia dello scontrino del bar Piazzetta, in realtà un pre conto, sul quale si legge la cifra di 78 euro per una colazione per sei persone. Insomma, sei cornetti, tre caffè, un cappuccino e due latti macchiati sono costati parecchio allo sfortunato autore del post.

Capri: 78 euro per una colazione in sei

“Ecco lo scontrino che abbiamo fatto questa mattina al bar piazzetta di Capri. Quei soldi mi bastavano per i caffè di un mese e mezzo”, commenta stizzito il protagonista della vicenda mentre mostra in un video lo scontrino incriminato. Un particolare da notare, però, è che la cifra indicata nella scritta che appare nel video di TikTok non corrisponde a quella impressa sullo scontrino. E, inoltre, si vede chiaramente che le amiche dell’uomo cercano di coprirsi il volto perché non vogliono essere riprese.

Fatto sta che stavolta non si scatena la solita bufera social contro i prezzi troppo alti praticati dai locali di ristorazione, come era accaduto ad esempio nella polemica scatenata contro Flavio Briatore e la sua pizzeria di via Veneto a Roma, il Crazy Pizza, accusati di far pagare a peso d’oro una semplice pizza con qualche ingrediente particolare sopra.

Qualcuno fa notare all’autore del post che “è Capri, vuoi andare? Paga”. Come a dire che non ci si può lamentare se si pagano quelle cifre così alte per una colazione, quando si sa benissimo che la località che si frequenta è notoriamente molto costosa. Sarebbe bastato semplicemente non andare in quel bar per risparmiare i soldi. “Al bar dove vado io, di solito, con 78 euro mi lascia anche le chiavi”, ironizza invece un altro. Mentre qualcuno propone di chiamare la Guardia di Finanza perché quello mostrato non è uno scontrino ma un pre conto.

Potrebbe interessarti anche: Pagano maxi conto al ristorante, clienti infuriati: “Ma che è arrivato Briatore?”

Articoli correlati

Torna su