Mass Media

Carlo Freccero contro la Merlino: “L’aria che tira no, sono nemici”

Che tra i movimenti No vax e alcuni programmi di La7 non corra buon sangue è fatto noto da quando è iniziata questa pandemia. Gli anti vaccinisti riempiono i social di critiche contro molti giornalisti, anche della tv di Urbano Cairo, accusandoli di essere al soldo dei potenti e di raccontare bugie. È il caso ad esempio de L’aria che tira, il talk show pomeridiano condotto da Myrta Merlino. La giornalista si è schierata senza se e senza ma dalla parte dei vaccini. Come del resto quasi tutti i suoi colleghi. Per questo si è resa protagonista di diversi scontri con esponenti No vax. L’ultimo con l’ex dirigente Rai Carlo Freccero, del quale la Merlino manda in onda un video che farà discutere.

Carlo Freccero contro L’aria che tira

“Dottor Freccero, salve, L’aria che tira La7”, cera di bloccarlo così l’inviato della Merlino durante una manifestazione dello scorso 21 novembre. “No no, L’aria che tira no, no”, lo schiva però il giornalista. Nella scena successiva i due si ritrovano ancora insieme in piazza. “Son nemici eh, son nemici”, lo indica ai presenti sorridendo Carlo Freccero.

“Non si può impedire alla gente di andare a lavorare. Questa è la cosa peggiore che ci possa essere”, si convince poi a farsi intervistare Freccero. “Ci sono molti casi di intollerabilità del vaccino. Io ho dei dati che sono in contrasto con i vostri. – prosegue l’autore televisivo – Io vedo il futuro. Cioè noi siamo qui a parlare, a litigare tra vaccinati e non vaccinati, mentre l’élite, il potere, pensa al futuro. Pensa a come controllarci. Noi non siamo pecore, vogliamo votare e decidere il nostro futuro”, attacca ancora Carlo Freccero.

“Io personalmente non mi sono vaccinato perché ho paura in qualche modo del vaccino. Io ho paura. Cosa posso farci? Sono uno dei tanti che ha paura perché è sperimentale”, aggiunge parlando della sua condizione personale. “Ma non è più sperimentale”, lo corregge il giornalista di La7. “Ma sì che è sperimentale, ora basta”, sbotta allora Carlo Freccero mentre se ne va.

Potrebbe interessarti anche: Cacciari, Freccero e Puzzer: nasce il partito dei No green pass?