Interni

Caso Floyd, Salvini-Meloni bocciano la risoluzione Ue contro razzismo e ingiustizie

In un clima come quello che sta attraversando le società di tutto il mondo sull’onda delle proteste per la morte di George Floyd negli Stati Uniti, Lega e Fratelli d’Italia non hanno perso l’ennesima occasione per far parlare di loro a tutti i costi, votando no a una risoluzione presentata al Parlamento Europeo per condannare odio e razzismo. A favore si sono invece espressi gli eurodeputati dei gruppi di Pd, Movimento 5 Stelle, Forza Italia e Italia Viva.

La risoluzione è stata alla fine approvata dal Parlamento europeo e prevede anche una esplicita richiesta, indirizzata alla Commissione europea e al Consiglio europeo, per “adottare una posizione forte e decisa contro il razzismo, la violenza e l’ingiustizia in Europa”. Nel testo si legge anche di sostengo alle “recenti proteste di massa nelle capitali e nelle città europee contro il razzismo e la discriminazione in seguito alla morte di George Floyd”.
La risoluzione afferma anche un altro principio, più volte sentito durante queste proteste negli Usa e diventato lo slogan delle manifestazioni: “Black Lives Matter”. I voti favorevoli sono stati 493, quelli contrari 104, gli astenuti sono stati 67. Si condannano anche le repressioni, violente, messe in atto da parte della polizia statunitense nei confronti dei manifestanti pacifici, così come le minacce di Trump di impiegare l’esercito.Il motivo del voto contrario della Lega? Il Carroccio fa sapere di aver avuto molte perplessità “sulla proposta di risoluzione, che presenta molti obiettivi utopici e che rappresenta una realtà distorta. Nello specifico, non si condivide l’impostazione del documento: si ritiene inopportuno paragonare la situazione Usa con quella Ue, spesso sovrapponendole in maniera errata, e non si condividono le prese di posizione e le strumentalizzazioni per attaccare indiscriminatamente i rappresentanti delle forze dell’ordine”.

Boss scarcerati, ora anche il M5S punta il dito contro Bonafede