Interni

Cipro, alta tensione in mare: peschereccio italiano speronato da barche turche

Alta tensione nel mare intorno a Cipro, dove il peschereccio italiano Michele Giacalone, partito da Mazara del Vallo, è stato “bersagliato da almeno 10 piccole imbarcazioni turche, che hanno iniziato a colpirlo con delle pietre”. A confermare la notiza è stato l’armatore Luciano Giacalone, che ha ricostruito l’accaduto all’Agi, spiegando come proprio le imbarcazioni straniere gli avrebbero tagliato la rotta improvvisamente.

Cipro, alta tensione in mare: peschereccio italiano speronato da barche turche

Secondo la ricostruzione di Giacalone, i pescherecci turchi avrebbero costretto la sua barca a tirare su le reti, per poi iniziare con l’aggressione: il lancio di una serie di pietre, poi un vero e proprio speronamento. “Erano già accaduti episodi simili, ma mai di questa portata. Il peschereccio si trova in quell’area, in acque internazionali – ha proseguito l’armatore – dopo che il 3 maggio scorso aveva subito un tentativo di abbordaggio da parte dei libici”.

Un altro episodio, quest’ultimo, che aveva fatto parecchio discutere non poco e generato ulteriori tensioni: un tentativo di abbordaggio da parte dei libici avvenuto a circa 40 miglia di Bengasi, e che aveva visto nel ruolo di vittime la stessa Michele Giacalone insieme con altri 8 pescherecci.

Tra le imbarcazioni coinvolte anche l’Aliseo, qualche giorno dopo mitragliato da 35 miglia da Misurata. Secondo il racconto del comandante, i libici avrebbero prima sparato colpi in aria e poi uno di loro sarebbe salito a bordo del Michele Giacalone. Al sopraggiungere della fregata italiana Alpino, il miliziano avrebbe lasciato il peschereccio e il tentativo di abbordaggio si sarebbe concluso.

Ti potrebbe interessare anche: Pfizer condannata: “Malato di gioco e di sesso a causa del farmaco anti-Parkinson”