People

Como, raccolta abiti usati: il comune chiede 400 euro all’anno per i cassonetti

Una notizia infelice e grave arriva da Como. Il Comune ha deciso di introdurre una tassa sugli abiti usati destinati ai poveri. L’aut-aut imposto dall’amministrazione è: o si paga un canone annuo di 400 euro, da aggiungere alla tassa per l’occupazione del suolo pubblico, o i cassonetti gialli per gli indumenti verranno rimossi il primo maggio.

Il servizio è gestito dal 2013 da Caritas e Humana. Nel capoluogo lariano i cassonetti sono in totale una sessantina. Lo scorso anno sono stati raccolti oltre 300mila vestiti usati. A denunciare la situazione è stato il gruppo di minoranza Civitas, guidata dal consigliere comunale Bruno Magatti.

“I cittadini – dice a Il Giornale di Como – dai primi mesi di maggio verranno privati di un servizio apprezzato e molto utilizzato. Gli attuali gestori della raccolta degli abiti dismessi – spiega – hanno ricevuto dall’amministrazione comunale l’intimazione alla rimozione dei cassonetti dedicati”.

“Il recupero degli abiti dismessi rientra, con pieno diritto, nella raccolta differenziata con riduzione dei rifiuti conferiti all’inceneritore, a costi nulli per l’amministrazione (che introita dai gestori la tassa di occupazione del suolo pubblico) e per i cittadini”.

Il gruppo di minoranza ha quindi chiesto al sindaco di ritirare in autotutela l’intimazione alla rimozione dei cassoni; di proseguire con i pattanti esistenti il servizio non facendo mancare ai cittadini il servizio e di indire immediatamente una nuova gara con condizioni economiche più consone al reale mercato di riferimento del servizio.

Il comune è guidato dal centrodestra con il sindaco Mario Landriscina. Al primo turno ha ottenuto 11.642 voti, pari al 34,73%, sostenuto da una coalizione formata da Forza Italia, Lega Nord, Lista civica Insieme e Fratelli d’Italia-An.

 

Ti potrebbe interessare anche: Lega choc: zone rosse anti-migranti vicino a scuole e stazioni. Apartheid 2.0 in Italia