Esteri

Organizzano il compleanno del gatto: 15 positivi al covid-19

La storia, davvero incredibile, arriva dal Cile. Organizzano il compleanno del gatto, si riuniscono per festeggiare il cucciolo di casa e si ammalano di Covid-19. Non è tempo per scherzare, e infatti la storia, come racconta Rt.com, e ripresa dal Fatto Quotidiano, arriva dal Cile, precisamente dalla regione Valparaiso. Il party, ovviamente clandestino, è stato messo in piedi per festeggiare l’ignaro gatto domestico. Tutto questo mentre nel Paese le vittime sono arrivate a 7.594. Si è arrivati anche a questo punto, sì, rischiare la vitta in piena pandemia per festeggiare il compleanno di un gatto… Ma non è tutto!

“Ho pensato fosse uno scherzo quando ho saputo che 15 persone si erano infettate durante il compleanno di un gatto – ha raccontato a Radio Bio Bio il capo del Centro sanitario di Valparaíso, Francisco Álvarez – Lo abbiamo detto in ogni modo possibile: stare a casa, oppure se necessario incontrarsi prendere tutte le precauzioni necessarie”. Le altre notizie dal mondo raccontano che la situazione si sta facendo sempre più seria. La Francia introdurrà l’obbligo del tampone molecolare per i viaggiatori europei che entrano nel suo territorio a partire da domenica. Lo ha reso noto l’Eliseo.

La Germania ha superato la soglia dei 50 mila morti dall’inizio della pandemia di coronavirus. Lo ha comunicato l’Istituto Robert Koch, l’ente di stato che si occupa del controllo delle malattie infettive, nel suo bollettino quotidiano. Pechino lancia test di massa contro il Covid-19 nei distretti centrali di Dongcheng e Xicheng, dove vivono circa 1,8 milioni di persone, per scongiurare un possibile aumento dei casi nel cuore della capitale, a poche settimane dalle festività del Capodanno cinese. Immagini diffuse dai media locali mostrano lunghe code di persone in attesa del test per il Covid-19 nella via che sorge nel pieno centro di Pechino, a poche centinaia di metri da piazza Tiananmen, una delle aree dello shopping più popolari della capitale cinese.

Nei giorni scorsi, Pechino aveva già lanciato test di massa nei distretti di Daxing, a sud della città, dove vivono 1,71 milioni di persone, e di Shunyi, nel nord-est su 1,23 milioni di residenti. La Cina ha registrato oggi un calo di contagi giornalieri, 103 contro i 144 di ieri. Tre nuovi contagi si sono registrati anche a Shanghai, dove le autorità hanno dato il via, ieri, ai test su tutto il personale degli ospedali, dopo che due dipendenti di una struttura sono risultati positivi al Covid-19. Secondo l’ultimo bollettino della Commissione Nazionale per la Sanità cinese sono 119 i nuovi casi di infezione asintomatica, conteggiati separatamente rispetto al totale dei casi accertati, in lieve aumento rispetto a 113 di ieri. Dall’inizio dell’epidemia sono 88.800 i contagi da Covid-19 in Cina, mentre i morti sono 4.635.

Ti potrebbe interessare anche: Conte ha scelto: chi è Pietro Benassi, l’uomo a cui ha assegnato la delega ai Servizi