People

Comproprietà condominiale: la soluzione efficace per una più equa distribuzione delle spese

Quale condomino non è mai stato indignato nel dover pagare oneri relativi ad attrezzature che non gli sono utili o che non aggiungono valore al suo lotto? Spesso erroneamente, a volte giustamente. A regolare però il tutto ci pensa il principio della comproprietà, che lega fra il criterio di proporzionalità, ovvero la distribuzione delle parti comuni, e il cosiddetto criterio di utilità, cioè le distribuzioni delle spese a carico di ciascuno secondo l’utilità teorica dell’attrezzatura considerata per il suo lotto. 

Cavallo di battaglia della maggior parte delle questioni condominiali è l’installazione, l’uso e la manutenzione dell’ascensore, soprattutto da parte degli abitanti dei piani inferiori. 

Installazione dell’ascensore condominiale: accordo del condominio

L’installazione ascensori in un condominio può essere oggetto di dibattito. In effetti, alcuni residenti dei piani alti lo vedono come un vero vantaggio mentre quelli al piano terra potrebbero non sentirne il bisogno. Sembra quindi essenziale soddisfare ogni membro della comproprietà.

Bisogna tener presente che per prima cosa è essenziale ottenere l’accordo del condominio per poter avviare l’installazione di un ascensore. È necessario di fatto ottenere almeno i 2/3 dei voti dei comproprietari a favore delle opere nella proprietà comune. 

Oggi, la presenza di un ascensore è obbligatoria nei nuovi edifici di due o più piani. Tuttavia, per alcuni edifici esistenti, questi lavori di installazione devono ancora essere pianificati e sono comunque soggetti alla votazione dei condomini.

Costi da considerare

Quando il condominio ha votato ufficialmente per l’installazione di un ascensore, arriva la questione delle tasse. In effetti, in seno alla riunione nel verbale redatto si devono concordare la distribuzione dei costi e delle spese dell’ascensore: lavoro, manutenzione, pulizia del dispositivo, ecc. Ancora una volta, si applicano le condizioni di maggioranza.

Per prendere questa decisione, viene preso in considerazione il cosiddetto criterio di utilità. Questo criterio prevede legittimamente una diversa distribuzione dei carichi degli ascensori a seconda del piano in cui si trova l’appartamento di ciascuna persona. In effetti, il proprietario del piano terra non avrà le stesse esigenze di quello del sesto.

Di conseguenza, i proprietari del piano terra non dovranno sostenere i costi di installazione di un ascensore nel condominio, nonché le spese di manutenzione. C’è un’eccezione quando l’ascensore serve un garage o un seminterrato. Ciò implica che tutti i comproprietari partecipano ai costi.

Verifica dello spazio disponibile per installare un ascensore nel condominio

Per soddisfare i vari standard di sicurezza, l’ascensore può essere installato nella tromba delle scale a condizione che vengano mantenuti almeno 80 cm di larghezza della scala nelle parti curve e 76 per le parti dritte. Hai quindi la scelta tra dotare il tuo edificio di un ascensore all’interno della tromba delle scale esistente o ricorrere al taglio della scala, quando l’area di ricezione della tromba delle scale non è abbastanza ampia.

Quando lo spazio è troppo limitato, sappi che è possibile installare un ascensore fuori dal condominio, tutto dipende dalla configurazione del tuo edificio.

È anche importante sapere che l’installazione di un ascensore nel condominio richiederà spazio aggiuntivo per ospitare i macchinari (nella parte superiore, in soffitta, o poi nella parte inferiore, per esempio nelle cantine).