Esteri

Libia: Haftar diserta Palermo, e la Turchia va via. Il bilancio del summit

La conferenza di Palermo sulla Libia viene chiusa da una conferenza stampa del premier Giuseppe Conte con l’inviato dell’Onu Ghassan Salamè. Il generale libico Khalifa Haftar ha lasciato Palermo in anticipo sulla fine dei lavori, fra l’altro rilasciando un’intervista in cui diceva di non aver partecipato appieno alla conferenza. Un paio d’ore più tardi anche la delegazione turca ha deciso di lasciare in anticipo Palermo. La Turchia ha abbandonato la Conferenza “con profondo disappunto” per non essere stata coinvolta nella riunione informale del mattino con al Serraj e Haftar.

“Non si può pensare di risolvere la crisi in Libia coinvolgendo le persone che l’hanno causata ed escludendo la Turchia”, ha detto il vicepresidente turco, Fuat Oktay, abbandonando i lavori. “Il meeting informale di stamattina è stato presentato come un incontro tra i protagonisti del Mediterraneo: ma questa è un’immagine fuorviante che noi condanniamo. Per questo lasciamo questo incontro profondamente delusi”, aggiunge il vice- presidente di Ankara.

Dal canto suo Haftar ha recitato fino in fondo la sua parte di invitato riluttante: alle 11,30 è partito da Palermo, lasciando però la sua delegazione a seguire tutti i negoziati ai tavoli economici e della sicurezza, temi che interessano decisamente la sua fazione. Il generale ha rilasciato un’intervista dicendo: “Non parteciperei alla Conferenza nemmeno se dovesse durare cento anni. La mia presenza è limitata agli incontri con i ministri dell’Europa e poi riparto immediatamente”.

Il generale ha confermato che avrebbe incontrato “il primo ministro italiano e gli altri ministri europei”, ma non gli esponenti delle altre delegazioni, con cui “non ho nulla a che fare. Siamo sempre in stato di guerra e il Paese ha bisogno di controllare le proprie frontiere. Abbiamo frontiere con la Tunisia, Algeria, Niger, Ciad, Sudan ed Egitto e la migrazione illegale viene da tutte le parti” ha aggiunto Haftar sottolineando che il fenomeno favorisce l’ingresso di miliziani e terroristi islamici.

Il generale ha detto di essere in guerra, denunciando l’ingresso di terroristi in Libia e chiedendo maggiore collaborazione ai paesi di confine nel controllo dei flussi migratori: “I leader degli Stati a noi vicini devono aiutarci almeno controllando le loro frontiere per non permettere l’immigrazione clandestina che ci crea il problema con le milizie di Al-Qaeda, Isis, movimento islamico e integralisti”.

Ora il generale aspetta di capire come potrà gestire la prossima fase nella vita politica libica, quella che secondo il Piano Onu di Ghassan Salamè prevede una “Grande Assemblea” in Libia e poi un percorso verso le elezioni politiche, il rinnovo della Costituzione ed eventualmente elezioni presidenziali.

 

Ti potrebbe interessare anche: Ecco la lista del “regime”: Dibba stila la lista dei giornalisti che “vanno bene”