People

Conte, 10mila euro di caffè per Palazzo Chigi: ordine record di 27mila cialde

A Palazzo Chigi il caffè piace, eccome! Giuseppe Conte è infatti finito al centro di un servizio di Striscia La Notizia per il caffè: nel servizio di Roberto Lipari si racconta l’ordinativo del Dipartimento per i servizi strumentali della sede governativa che a inizio febbraio ha decretato un approvvigionamento straordinario per le macchine Nespresso: 27mila cialde. Il tutto per una spesa di poco superiore ai 10mila euro. Che equivale a un consumo medio di circa cento caffè al giorno, tolti weekend e festività. Per questo Lipari ha consegnato a Conte una moka.

“Diremo alla Consip, per il prossimo bando, di capire se passare dalle cialde alla moka, per risparmiare”, ha scherzato ai microfoni di Canale 5. In realtà il caso caffè era stato sollevato qualche giorno fa dal quotidiano Il Tempo. In un articolo di Alberto Di Majo si precisava che l’ordinativo di cialde corrisponde a 26.800. Delle quali 24mila sono di tipologia “ristretto” e 2.800 “decaffeinato”. Significativo il parallelo con gli esecutivi precedenti.

Nel 2018, ai tempi di Paolo Gentiloni, le monodosi ordinate furono 8.550, delle quali 3.450 senza caffeina. Appena un terzo rispetto all’ultimo acquisto. Per una spesa totale di 3.500 euro. Come spiega la delibera dell’Ufficio patrimonio, gare e contratti, “è stata rappresentata la necessità di procedere all’approvvigionamento di beni alimentari (caffè in cialde) per reintegrare le scorte da utilizzare in occasione di incontri istituzionali presso le sedi della presidenza del Consiglio dei ministri, così da soddisfare il fabbisogno per l’anno 2020”.

Alla faccia della spending review, riferisce sempre Il Tempo, “nel bilancio di previsione del 2020 sono aumentati gli stanziamenti per tutta una serie di voci, tra cui i costi per le bollette di acqua, televisione, energia elettrica e gas, che lievitano di 420mila euro”. Insomma, c’è da stare svegli quando si ricoprono ruoli così delicati, nessuno lo mette in dubbio. Ma come sempre: prima di fare la morale agli altri sui risparmi, è meglio guardarsi in casa. O dentro al Palazzo…

 

Ti potrebbe interessare anche: La Lega apre al patto Renzi-Salvini: “Bene se ci porta la voto”