Interni

Conte riempie le piazze, Salmo e gli altri cantanti: “Perché noi no?”

Giuseppe Conte fa infuriare i cantanti. La colpa del leader del M5S è quella di riempire le piazze durante la campagna elettorale per le elezioni amministrative che lo sta portando in giro per l’Italia. E, probabilmente, sono proprio le immagini che giungono dalla Calabria, dove l’ex premier è stato accolto da una folla di sostenitori, ad aver fatto innervosire diversi cantanti. Artisti come Salmo, Ermal Meta ed Enrico Ruggieri criticano il fatto che ai politici come Conte venga permesso di creare assembramenti. Mentre concerti e spettacoli devono ancora subire forti restrizioni.

Non solo quelli appena citati. Anche artisti come Francesca Michielin e Motta non hanno affatto gradito le immagini che immortalano Giuseppe Conte sommerso da un bagno di folla quasi ad ogni tappa del suo tour elettorale. Il fatto che sia lo stesso ex premier a postare, sui suoi canali social, video come quello della signora calabrese che grida di volerselo sposare, amplifica ancor più la rabbia.

Uno dei primi a rendere pubblico il suo disappunto è stato Salmo. Il rapper era già stato protagonista di una polemica simile questa estate, quando aveva tenuto un concerto in Sardegna a cui avevano assistito moltissime persone. “In questi giorni è iniziato il FLOP tour (dal nome del suo ultimo disco in uscita l’1 ottobre ndr). Abbiamo riempito le piazze d’Italia. Grazie a tutti, la vostra accoglienza è stata incredibile, ora andatevene a fan…!”. Così Salmo ha commentato una foto di Conte circondato da fan.

“Quindi da domani le capienze degli spettacoli in generale tornano alla normalità?”, si è chiesto invece polemicamente il cantante Ermal Meta. E anche Enrico Ruggeri non si è lasciato sfuggire l’occasione per commentare sarcasticamente le immagini di Conte. “Mi fa piacere per lui, ma suona come l’ennesimo sfregio ai cantanti che ci fanno divertire”, ha polemizzato Ruggeri.

Potrebbe interessarti anche: Conte scarica Salvini: “Sui decreti sicurezza ha fallito”