People

“Iniziativa giusta e opportuna”, Conte benedice la nascita dell’intergruppo Pd-Ms5S-Leu

Giuseppe Conte dà la sua benedizione e, probabilmente, cura anche la regia dell’operazione. Un primo passo nel solco di un progetto politico avviato nel precedente governo e destinato a proseguire nella nuova e più ampia maggioranza. Nel giorno della fiducia al nuovo esecutivo guidato da Mario Draghi, tre forze che questo esecutivo sostengono, lanciano un’iniziativa comune: Pd-M5s e Leu creano un intergruppo parlamentare. Spiegano infatti in una nota congiunta i capigruppo al Senato di M5s, Ettore Licheri, del Pd, Andrea Marcucci, e di Leu, Loredana De Petris: “Sollecitati da senatrici e senatori dei tre gruppi parlamentari, abbiamo deciso di intraprendere un’iniziativa comune: la costituzione di un intergruppo parlamentare”.

Il punto di partenza è proprio l’esperienza del governo Conte II, una realtà politica in cui lo stesso ex premier crede fortemente. “L’iniziativa annunciata dai capigruppo in Senato di M5S-Pd-Leu di costituire un intergruppo parlamentare per promuovere iniziative che rilancino l’esperienza positiva di governo che si è appena conclusa è giusta e opportuna”, ha subito commentato Giuseppe Conte. “In questa fase è ancora più urgente l’esigenza di costruire spazi e percorsi di riflessione che valorizzino il lavoro comune già svolto e contribuiscano ad indirizzare la svolta ecologica e digitale e le riforme di efficientamento della Pa e della giustizia nel segno di una maggiore equità e inclusione sociale”, ha concluso Conte.

Come commenta il Corriere, “la scelta disegna anche più marcatamente i confini tra gli elementi di cui la maggioranza variegata del governo Draghi è composta e punta anche a sottolineare la differenza dei numeri rispetto alla scorsa minoranza, oggi maggioranza (FI e Lega)”. Il compito del neonato intergruppo è quello di promuovere “iniziative comuni sulle grandi sfide del Paese, dalla emergenza sanitaria, economica e sociale fino alla transizione ecologica ed alla innovazione digitale. Con questo spirito, da domani, saremo insieme per rilanciare e ricostruire il nostro Paese”, si legge ancora nella nota congiunta.

Un primo passo, si diceva. Già, perché Pd, M5s e Leu guardano già avanti e starebbero anche predisponendo un documento programmatico. Il punto di partenza è l’alleanza che a palazzo Madama ha fissato l’asticella a 157 sì. L’obiettivo, invece, è quello di rafforzare l’asse e orientare il programma del nuovo governo. “Sta nascendo qualcosa di importante”, spiega una fonte parlamentare. Lo scopo è anche quello di creare un vero e proprio coordinamento prima di ogni conferenza dei capigruppo. Nel documento programmatico si sottolineerà la necessità di ripartire dai temi del governo Conte e allargare l’agenda alle questioni che il premier Draghi indicherà alle Camere.

Ti potrebbe interessare anche: Un caffè con Salvini? Ecco la risposta definitiva di Laura Boldrini

[wpdevart_facebook_comment curent_url="https://www.business.it/conte-integruppo-pd-m5s/" order_type="social" title_text="" title_text_color="#000000" title_text_font_size="11" title_text_font_famely="monospace" title_text_position="left" width="100%" bg_color="#d4d4d4" animation_effect="random" count_of_comments="3" ]